Padova: Confindustria apre la ‘via del Sud’, la ripresa ha fame di tecnici e ingegneri (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – Dopo avere definito con le aziende requisiti e competenze, il progetto ha pre-selezionato 30 curricula di disoccupati e inoccupati da Abruzzo, Marche, Molise e Sardegna. In quindici hanno affrontato il colloquio individuale con le aziende a Cittadella, e nove sono stati selezionati per la formazione professionalizzante di due mesi: 200 ore di lezioni frontali e pratica di laboratorio all’Enaip Veneto di Cittadella, con viaggio e ospitalità in appartamento offerti dalle aziende.
Proprio oggi si conclude il training formativo, e da lunedì 14 maggio i nove giovani, dai 21 ai 42 anni, otto sardi e un abruzzese, tutti con diploma tecnico e un ingegnere, saranno inseriti nelle quattro aziende partner in somministrazione lavoro per 3 mesi. Un periodo necessario per apprendere e affinare sul campo le abilità di manutentori, assistenza agli impianti e macchinari di produzione, con solide chance di prolungare il rapporto di lavoro. Una risposta concreta al mismatch domanda e offerta, e attraverso il ruolo attivo del sistema associativo. In un Paese con una disoccupazione all’11,2%, ma al 19,4% al Sud, quasi tre volte il dato del Nord (6,9%). Dove la ripresa rischia di spiaggiarsi sulla carenza di periti, tecnici e ingegneri.
“Il divario tra domanda e offerta di lavoro in Veneto ormai è strutturale. Le imprese hanno investito in tecnologie, anche grazie a Industria 4.0, ma per crescere non bastano macchine all’avanguardia se poi mancano le persone in grado di usarle, gestirle e innovarle – spiega Omer Vilnai, delegato di territorio Confindustria di Cittadella -. Per questo abbiamo deciso di attivarci con un progetto rivolto al territorio con l’obiettivo di comunicare meglio a giovani, famiglie e scuola quali sono le competenze di cui l’industria ha bisogno, dall’altro di dare una risposta concreta al mismatch, rivolgendoci anche ad altre regioni del Centro-Sud. Profili tecnici come quello del manutentore, sono figure chiave per le Pmi, subito assorbite dal mercato dopo la scuola”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery