Governo: Unimpresa, oltre 2 mesi persi minaccia per mezzo punto pil (2)

(AdnKronos) – “Avevamo lanciato un appello, alle forze politiche e ai gruppi parlamentari in particolare, -sottolinea Ferrara- affinché prevalesse il senso di responsabilità per la formazione di una maggioranza e per la nascita di un governo, di cui l’Italia ha urgente bisogno. Siamo vicini forse a una soluzione, ma stanno purtroppo prevalendo interessi di bottega e personalismi che non portano a nulla”.
Secondo il presidente di Unimpresa “alle porte ci sono scadenze fondamentali e una ripresa che ha bisogno di misure significative per ripartire con la necessaria energia. Va approvato e probabilmente riscritto il documento di economia e finanza, vanno trovate le coperture per evitare che si attivino le clausole di salvaguardia e aumenti l’Iva, va affrontato con determinazione il confronto con l’Unione europea in vista della preparazione della prossima legge di bilancio”.
Quanto ai dati sulle maggiori tasse da pagare, nel dettaglio quest’anno il gettito tributario complessivo salirà di 11,7 mld , nel 2019 crescerà di 9,5 mld e nel 2020 aumenterà di 8,3 mld. Dalle misure sulla fatturazione elettronica derivano aumenti delle entrate per 202,2 milioni, 1,6 mld e 2,3 mld per un totale di 4,2 mld nel triennio. La stretta sulle frodi nel commercio degli oli minerali “vale” 272,3 mln, 434,3 mln e 387 mln per complessivi 1,09 mld.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery