Giro d’Italia – Froome non getta la spugna e rilancia: “continuerò a combattere, non siamo neanche a metà corsa”

Chris Froome Gian Mattia D'Alberto/LaPresse

Chris Froome ha tutta l’intenzione di recuperare lo svantaggio in classifica generale accumulato nella nona tappa del Giro d’Italia

Chris Froome è giunto al traguardo esausto al traguardo della nona tappa del Giro d’Italia. Il ciclista del Team Sky ha perso nei chilometri finali minuti che hanno inciso sulla sua classifica.

Chris Froome

AFP PHOTO / Luk Benies

Adesso il britannico è piombato in undicesima posizione a 2’27” da Simon Yates (vincitore della nona tappa) complicando un po’ la lotta per la conquista della maglia rosa. Mancano ancora tante tappe e soprattutto il britannico può contare sulla cronometro di Rovereto e sugli arrivi in montagna come Prato Nevoso e lo Zoncolan. Chris Froome adesso ha tutto il tempo per organizzare un piano ad hoc per provare sin dalle prossime tappe a recuperare lo svantaggio in classifica generale e soprattutto dimostrare a tutti i tifosi italiani di che pasta è fatto. Alla ‘rosea’, il corridore del Team Sky ha dichiarato di essere tranquillo: “mi godo il riposo che ci aspetta, vorrei dormire un po’ perché sono davvero stanco. Le cadute? No, non c’entrano. È solo una questione di gambe. Queste prime nove tappe sono state un assaggio della seconda e terza settimana. Per la stagione, non ci sono le stesse condizioni che si trovano a Tour e Vuelta. Poi la corsa è più imprevedibile, più difficile da gestire e più esplosiva. Resto ottimista, continuerò a combattere. Non siamo neanche a metà Giro, c’è ancora tanta strada da fare. Chaves e Yates hanno fatto una gara incredibile. Bisogna fargli i complimenti. Hanno la maglia, hanno la squadra, vanno forte. Impressionanti”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery