F1, Wolff mette a tacere la polemica sulle gomme: “avvantaggiati dalla Pirelli? Ecco tutta la verità”

wolff © Photo4 / LaPresse

Toto Wolff ha risposto alle critiche relative alla questione gomme, sottolineando come il vantaggio della Mercedes c’era anche prima dell’intervento della Pirelli

La Mercedes va via da Barcellona con una splendida doppietta, arrivata in maniera netta senza dare la possibilità ai rivali di metterla in discussione.

wolff

© Photo4 / LaPresse

Un trionfo per il team campione del mondo, riuscito a riprendersi anche la vetta della classifica Costruttori dopo il sorpasso subito dalla Ferrari a Baku. Musica per le orecchie di Toto Wolff, che ha espresso il suo punto di vista nel day after di Barcellona: “spero sia stato il week-end della svolta, ma dobbiamo considerare che su questa pista ci eravamo confermati competitivi già nei test invernali. Penso che il circuito si adatti bene alla nostra monoposto, così come l’asfalto ed anche il clima che abbiamo avuto nel fine settimana. Per questo farei attenzione nel trarre delle conclusioni affrettate. Abbiamo visto variare i livelli di performance da una pista all’altra, a volte anche da un giorno all’altro. Credo che al momento sia saggio andare avanti guardando al prossimo weekend, senza pensare troppo nel lungo periodo. Hamilton? Lo abbiamo deluso a Melbourne commettendo un errore quando aveva in tasca la vittoria, e questo forse è rimasto un po’ nella sua testa. Direi che dopo questo weekend tutto è alle spalle, i piloti hanno bisogno di risultati per voltare pagina“.

Photo4 / LaPresse

Toto Wolff poi si sofferma sulla questione gomme, che tanto ha fatto discutere durante il week-end: “nei test invernali su questa pista abbiamo visto grandi vesciche sulla maggior parte delle monoposto, ed è comprensibile che Pirelli sia corsa ai ripari, raggiungendo l’obiettivo. Come si è visto durante tutto il weekend, problemi non ce ne sono stati. Questo ha fatto la differenza? Direi di no, visto che nei test invernali con i pneumatici tradizionali il nostro gap prestazionale era ugualmente grande, se non anche maggiore di quello visto nel weekend di gara. Quindi non credo che ci sia stata alcuna influenza dal fronte gomme”. Il team principal della Mercedes poi sottolinea come non sia stato sorpreso dalla seconda sosta di Vettel: “ci stava, abbiamo visto a Shanghai che quella strategia ha funzionato con le Red Bull, e forse la Ferrari pensava a questa possibilità. Capisco perfettamente che abbiano provato una strategia differente.

Hamilton

AFP PHOTO / Lapresse

Per quanto ci riguarda, abbiamo anticipato un po’ la sosta di Hamilton perché eravamo preoccupati dal pneumatico anteriore sinistro, non tanto sulla monoposto di Lewis, quanto dalle immagini della macchina di Sebastian e da quanto abbiamo visto dopo il pit-stop di Valtteri: la sua gomma era praticamente a zero. Abbiamo così deciso una sosta un po’ anticipata per Lewis, al fine di non correre rischi. Non era la strategia perfetta, sapevamo che sarebbe tornato in pista dietro Verstappen e che sarebbe stato difficile superarlo, ma abbiamo dato priorità alla sicurezza“.



FotoGallery