Di Maio: “C’è un problema di democrazia”

Roma, 27 mag. (AdnKronos) – “Abbiamo un grande problema in Italia che si chiama democrazia. Questa non è una democrazia libera se stiamo in queste condizioni”. Così Luigi Di Maio, leader M5S, nel corso di una diretta Facebook. “Sono stato un profondo estimatore del Presidente della Repubblica Mattarella ma questa scelta per me è incomprensibile perché ce l’abbiamo messa tutta” e nel contratto di governo “non c’era l’uscita dall’euro” ma “la rivisitazione di alcune regole europee”.
INUTILE ANDARE A VOTARE – “Diciamocelo chiaramente che è inutile andare a votare – attacca Di Maio -, tanto i governi li decidono le agenzie di rating e le lobby finanziarie e bancarie”. Se si vuole impedire un governo del M5S e della Lega ce lo devono dire chiaramente perché oggi ce l’hanno dimostrato. Io sono molto arrabbiato… ci abbiamo messo oltre 80 giorni. La verità è che stanno facendo di tutto per non mandare il M5S al governo del Paese”. “Non so nei prossimi mesi cosa succederà, noi ci siamo, il M5S ci sarà sempre ma con una consapevolezza differente”.
DI MAIO, ECCO I NOMI CHE ABBIAMO FATTO – Di Maio ha letto la lista dei potenziali ministri, sottoposta oggi al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dal premier incaricato Giuseppe Conte. Di Maio e Salvini sarebbero dovuti diventare entrambi vicepresidenti del Consiglio, il primo destinato a ricoprire l’incarico di ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro e il secondo dell’Interno. La lista prevedeva: Riccardo Fraccaro ai Rapporti col Parlamento e alla democrazia diretta; Giulia Bongiorno alla Pa; Enrica Stefani agli Affari Regionali e alle Autonomie; Barbara Lezzi al Ministero per il Sud; Lorenzo Fontana al Ministero per la Disabilità; Luca Giansanti agli Esteri; Alfonso Bonafede alla Giustizia; Elisabetta Trenta alla Difesa. E ancora: Paolo Savona all’Economia; Gian Marco Centinaio alle Politiche agricole; Mauro Coltorti alle Infrastrutture e ai Trasporti; Marco Bussetti all’Istruzione; Alberto Bonisoli al Mibact; Giulia Grillo alla Salute; Giancarlo Giorgetti sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. “Questa – ha detto il leader M5S – era la squadra di governo che lunedì mattina poteva giurare al Quirinale”.
L’ATTACCO AD ALFANO E LA REPLICA – “In questo Paese puoi essere un criminale, condannato per frode fiscale, puoi essere Angelino Alfano – dice Di Maio -, puoi essere una persona sotto indagine per corruzione e il ministro lo puoi fare, ma se hai criticato l’euro e l’Europa non puoi permetterti neanche di fare ministro dell’Economia. Ma non finisce qui”. Pochi minuti dopo la replica di Angelino Alfano. ”Di Maio: niente laurea nella vita universitaria, niente professione nella vita civile, niente governo nella vita politica. Di Maio sei uguale a niente. Sciacquati la bocca prima di parlare di me. In tribunale risponderai di ciò che hai detto”.



FotoGallery