Boxe – Al teatro Principe Devis Boschiero diventa campione dell’Unione Europea

Boschiero colpisce Kourbanov

Al teatro Principe nel match tra Bochiero e Korubanov  si consacra campione dell’Unione Europea il pugile italiano

Con un match spettacolare che ha entusiasmato il pubblico, sabato scorso al teatro Principe di Milano, Devis Boschiero ha battuto ai punti Faroukh Korubanov conquistando il titolo dell’Unione Europea dei pesi superpiuma. Boschiero ha tenuto l’iniziativa dal primo all’ultimo round, andando a segno con delle precise combinazioni al volto ed al corpo, impedendo a Kourbanov di reagire con altrettanta efficacia. Solo sporadicamente Kourbanov riusciva a centrare Boschiero con diretti e ganci, ma veniva subito travolto dalla reazione di Boschiero che sferrava delle combinazioni altrettanto efficaci che dimostravano la sua grande capacità di assorbire i pugni e la sua voglia di tornare al vertice dei pesi superpiuma con una vittoria convincente.

Al termine delle dodici riprese previste, il pubblico, i giornalisti e gli addetti ai lavori sapevano che aveva vinto Boschiero, che al teatro Principe ha dimostrato perché i tifosi lo hanno soprannominato “Boom Boom”: a 36 anni Boschiero ha ancora la potenza nei pugni e la condizione fisica per mettere in difficoltà un avversario più giovane di dieci anni e fortemente motivato come Kourbanov. Non dimentichiamo che Faroukh Korubanov si era presentato imbattuto: il suo record era di 15 vittorie consecutive, delle quali 3 prima del limite. Intervistato poco prima del match, aveva detto che considerava questa difesa del titolo dell’Unione Europea solo un passo verso il titolo europeo e poi il mondiale: “combatto contro chiunque, ovunque, voglio diventare campione del mondo”.

Adesso il record di Devis Boschiero è di 46 vittorie, 5 sconfitte e 1 pari. La vittoria di Boschiero è stata accolta con un’ovazione dagli spettatori che gremivano in ogni ordine di posti il teatro Principe. Un gruppo molto numeroso proveniva da Piove di Sacco, la città di Boschiero. In Italia, non è usuale per i tifosi di un pugile organizzare trasferte per sostenerlo. Questo dimostra come Boschiero sia riuscito a costruire un rapporto vero con i suoi tifosi. Ottima prestazione anche dell’ex campione intercontinentale dei pesi superwelter IBF Orlando Fiordigiglio che ha demolito al terzo round l’ungherese Ferenc Hafner. Era il primo match di Fiordigiglio con la scuderia di Salvatore Cherchi. Come sempre, Fiordigiglio aveva all’angolo il maestro Meo Gordini che è nel mondo della boxe dal 1970 ed ha seguito tanti pugili professionisti tra cui il campione d’Europa dei pesi piuma Alberto Servidei.

Volevo dimostrare a me stesso di essere tornato al top – commenta Fiordigiglio – e sono molto felice di esserci riuscito. Sul ring mi sono sentito bene, ho portato i colpi con facilità come nei miei giorni migliori. La sconfitta contro Zakaria Attou è ormai un lontano ricordo. Voglio combattere di nuovo per il titolo europeo, contro Attou o un altro è lo stesso. Il mio obiettivo è diventare campione d’Europa. Il teatro Principe è molto bello, si sente il tifo del pubblico che è vicino al ring. Spero di combattere ancora in questo impianto.” Adesso il record di Orlando Fiordigiglio è di 28 vittorie e 2 sconfitte. E’ numero 7 nella classifica dell’European Boxing Union. Nelle classifiche mondiali è numero 10 per l’International Boxing Federation e numero 14 per il World Boxing Council.  Il peso welter Maxim Prodan ha fornito l’ennesima dimostrazione di potenza mettendo ko al terzo round il più esperto ungherese Gyorgy Mizsei Jr dal quale ci si aspettava una prestazione migliore proprio in virtù del suo record composto da ben 48 incontri, dei quali 2 per il titolo europeo dei pesi leggeri contro Emiliano Marsili. Mizsei non ha mai dato l’impressione di poter tenere testa a Maxim Prodan, che lo ha capito e lo ha assalito con la consueta determinazione finché Mizsei non è finito al tappeto per i canonici dieci secondi. Il pubblico è esploso dimostrando per l’ennesima volta che considera Maxim un vero idolo.

Ora il record di Maxim Prodan è di 14 vittorie e 1 pari. Tranne una volta, ha sempre combattuto sul ring del teatro Principe. Anche il peso welter Nicholas Esposito ha fornito una bella prestazione battendo per ko tecnico al secondo round Sasa Janic. E’ la settima vittoria consecutiva per Nicholas, che la commenta così: “avrei voluto combattere per le sei riprese previste perché era il primo match dopo la frattura al metacarpo della mano destra che mi sono procurato in allenamento. Non mi hanno operato. E’ stato sufficiente mettere il gesso e fare fisioterapia. La mano non mi fa più male, sono tornato alla normalità. La combinazione con cui ho messo ko Janic – pugno al fegato e gancio alla tempia – l’avevo studiata in allenamento con mio padre Enzo ed il maestro Calogero Serio. Mi alleno sia nella palestra che mio padre ha aperto da poco a Cremona (l’Esposito Boxing Team) che nella palestra del maestro Serio a Cento, in Emilia Romagna. Mio padre è stato campione della Lombardia fra i dilettanti. Anche mio fratello Mattia gareggia tra i dilettanti. Siamo una famiglia di appassionati di boxe. Il mio obiettivo è diventare campione d’Italia.”

Il peso supermedio Riccardo Merafina ha ottenuto la terza vittoria in altrettanti confronti superando ai punti Stefan Paunovic. Il serbo non era un avversario facile, aveva anche fatto assaggiare il tappeto al promettente Ivan Zucco, ma Riccardo lo ha dominato scatenando l’entusiasmo del pubblico. Anche sabato scorso, Merafina ha portato un gran numero di tifosi al teatro Principe dimostrando quanto sia amato dai milanesi. Terza vittoria consecutiva anche per lo svizzero Marzio Franscella cha ha costretto all’abbandono alla fine del quarto round Nikola Bogdanic. “Non era un avversario facie per Marzio – spiega il padre Marco presidente del Boxe Club Ascona – perché Bogdanic è un campione di kickboxing. Ho visto i suoi combattimenti, i pugni li sa sferrare. Eppure Marzio lo ha costretto all’abbandono. Sono molto soddisfatto.” “Anche questa volta abbiamo registrato il tutto esaurito – commenta l’organizzatore Alessandro Cherchi – e questo mi induce a pensare che il pubblico tornerà in massa anche alle nostre prossime manifestazioni. Voglio invitare chi non è mai stato al teatro Principe a comprare il biglietto per i nostri eventi, la boxe vista dal vivo in una bomboniera come il teatro regala delle emozioni che la televisione e i grandi impianti non possono offrire.” 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery