Barcellona, a tutto Braida: “spero nasca un altro Messi. Ko con la Roma? Ci sta di perdere con le squadre meno forti”

LaPresse/Jonathan Moscrop

Ariedo Braida ha commentato quanto accaduto nel Clasico tra Barcellona e Real Madrid, soffermandosi poi anche sul ko di Champions dei blaugrana contro la Roma

roma barcellona

Lapresse

E’ stata una partita con 100 mila spettatori paganti. Arrivano da tutto il mondo per vedere quelle che considero le migliori squadre al mondo, coi giocatori migliori e dove il risultato è assicurato. Per chi ama il calcio è uno spettacolo meraviglioso. Qui ci sono calciatori che fanno giocate stratosferiche ed è un piacere. Qui abbiamo grandi campioni come Messi, mi auguro per il bene del calcio che ne nasca un altro perché è uno spot per il nostro movimento“. Il direttore sportivo del Barcellona, Ariedo Braida, torna così sul ‘clasico’ andato in scena ieri sera al Camp Nou tra Barcellona e Real Madrid e conclusosi col risultato di 2-2. “E’ una partita sempre infuocata e i giocatori giocano con animosità ma sono cose che finiscono sul campo. C’è qualche botta di troppo ma fa parte del calcio vero dove c’è una intensità pazzesca” prosegue il dirigente blaugrana ai microfoni di ‘Radio anch’io Sport’ su Rai Radio1. “Gli errori arbitrali? Tutti sbagliano, purtroppo. Ben venga il Var“. E sulle voci di un approdo a Madrid dell’ex stella del Barca Neymar, Braida chiarisce: “Il Barcellona è forte con o senza Neymar, e lo sarà sempre perché ha il dna della grande squadra con grandi risorse economiche. Il ko nei quarti di Champions con la Roma? Nella vita si deve guardare avanti, è successo anche al Milan contro il Deportivo La Coruna. E’ anche il bello del calcio, anche le grandi possono perdere con squadre all’apparenza meno forti“.



FotoGallery