Atletica: Mario Lambrughi straordinario nei 400 metri ad ostacoli

Favolosa prestazione di Mario Lambrughi nei 400 metri ad ostacoli: l’azzurro diventa il quarto italiano alltime in questa categoria

Praticamente una finale da Campionato Italiano. L’anello azzurro dello Stadio Raul Guidobaldi ispira gli specialisti del giro di pista con barriere e, soprattutto, Mario Lambrughi. Il 26enne dell’Atletica Riccardi Milano 1946 si presenta sul rettilineo finale con un netto vantaggio su tutti gli avversari. La sua azione è sicura, una piccola incertezza solo all’ultima barriera: vince in 48.99 e dà un bacio al display con il suo crono. Un gesto che incornicia una prestazione che vale la leadership europea stagionale e che in Italia non si vedeva da quasi 13 anni: l’ultimo azzurro sotto i 49 secondi era stato, infatti, Gianni Carabelli, 48.84 l’8 luglio del 2005 a Roma. Grazie a questo risultato, il brianzolo Lambrughi si migliora di 36 centesimi, centra ampiamente lo standard per gli Europei di Berlino (49.80) e diventa il quarto ostacolista italiano alltime. Alle sue spalle bel progresso anche per il 23enne toscano Mattia Contini (Aeronautica) che scende a 49.62 (32 centesimi di PB) davanti a Josè Bencosme (Fiamme Gialle) 49.71. Performance che per entrambi valgono il “minimo” per la rassegna continentale in Germania. “Era una bella giornata – il commento post gara di Lambrughi –, sapevo di valere un buon tempo dopo aver corso un 300hs a Formia: 48.99 davvero no ma a Rieti tutto è possibile. Ho baciato il crono perché è quello che faccio quando esce una buona gara, ormai è consuetudine. Credo che non realizzerò subito, ci metterò un po’ a elaborarlo, speriamo di abbassarlo ancora perché all’ultimo ostacolo sono quasi caduto. Berlino? Incrociamo le dita ma ci sono buoni presupposti per fare bene”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery