Pallavolo – Serie A femminile: tante novità dopo l’Assemblea di Lega, soddisfatto il presidente Fabris

FILIPPO RUBIN

A Milano l’Assemblea delle Società di Serie A Femminile: approvato il regolamento di ammissione ai Campionati 2018-19

Si è tenuta ieri, lunedì 23 aprile, a Milano, l’Assemblea delle Società aderenti alla Lega Pallavolo Serie A Femminile. Vi hanno preso parte, complessivamente, 10 Club di Serie A1 e 11 di Serie A2. Numerosi i temi all’ordine del giorno. Il presidente Mauro Fabris, al termine dell’incontro, sintetizza i punti più importanti della discussione:

“La notizia del giorno è certamente l’accordo raggiunto con la Federazione, dopo una lunga e sofferta trattativa, sulla base di tre punti: la promozione e la valorizzazione dei settori giovanili, non solo delle Società di Serie A ma nella strategia di una collaborazione tra Lega e Federazione che incentivi la crescita delle giovani atlete italiane; l’utilizzo delle straniere nei Campionati italiani, per cui è prevalso il nostro ragionamento, ovvero che non è certo limitandone il numero che si permette alle giovani italiane di migliorare, ma anzi proprio il confronto con star mondiali favorisce la crescita di chi vestirà la maglia azzurra nelle competizioni a cui parteciperà la Nazionale. Il terzo punto dell’accordo riguarda l’organizzazione dei Campionati, stante l’inserimento del Club Italia in A1 nella prossima stagione (Club Italia che poi farà ritorno in A2 nella stagione successiva), proprio nel solco del lavoro – unico, per una Lega, a livello internazionale – che facciamo sui giovani italiani, valuteremo quante saranno le partecipanti al prossimo Campionato di A1. Il nostro orientamento è quello di fermarci a 12 senza ulteriori ripescaggi o recuperi, anche in considerazione di una stagione – la prossima – molto corta con i Mondiali a ottobre e altri appuntamenti internazionali di cui stiamo discutendo con FIVB e CEV, come ad esempio la Final Four di Champions League. In A2 è stata confermata l’indizione a 20 squadre: rifletteremo insieme alla Fipav se tale numero potrà essere raggiunto. Fino alle 16 squadre prevederemo un girone unico, dalle 18 in su invece organizzeremo due gironi, divisi non semplicisticamente tra nord e sud ma sulla base di un ranking che ne assicuri l’equilibrio. Infine l’Assemblea ha affrontato alcuni temi relativi alla prossima stagione sportiva. Sono state approvate le norme di ammissione ai Campionati di Serie A 2018-19 e, punto molto importante, è stato trovato l’accordo per verificare la possibilità di costituire un fondo di solidarietà a favore dei tesserati, che in caso di default delle Società di appartenenza durante il Campionato potranno accedere a tale fondo; la nostra proposta – spiega Fabris, che ne è il promotore – è che sia costituito con una disponibilità dell’1% da parte dei Club e dell’1% da parte delle tesserate calcolato sui compensi annui, in modo da conferire al fondo risorse idonee per sostenere situazioni di difficoltà. Verificheremo la disponibilità delle atlete ad aderire a tale iniziativa, perché riteniamo doverosa la corresponsabilizzazione di tutte le componenti”. 



FotoGallery