MotoGp – Valentino Rossi, la mancata prima fila e quella ‘velata’ difesa a Marquez: “ecco perchè non ce l’ho fatta! Penalità? Penso che…”

Valentino Rossi AFP PHOTO / Juan MABROMATA

Valentino Rossi, il potenziale per la prima fila e la penalizzazione a Marquez: il Dottore fiducioso in ottica gara

Una qualifica con tanti colpi di scena, ieri sera ad Austin: Marquez ha conquistato la sua sesta pole consecutiva in Texas, ma in serata è stato poi penalizzato dalla Race Direction per aver ostacolato Maverick Vinales durante il suo giro buono. 3 posizioni di penalità per il campione del mondo in carica, che stasera partirà quindi dalla quarta postazione in griglia di partenza, al fianco di Valentino Rossi, quinto (QUI l’articolo intero sulla penalità a Marquez). Il Dottore sognava una posizione migliore, ma è apparso positivo e fiducioso al termine delle qualifiche:

Avevo il potenziale per la prima fila e ci sono arrivato davvero vicino, ma non ho spinto abbastanza in un paio di staccate ed ho chiuso quinto. La prima fila è sicuramente meglio, ma la top 5 va bene per iniziare la gara e credo che sia stata la miglior qualifica della stagione per me. Sono abbastanza soddisfatto perché mi trovo bene con la moto e riesco ad entrare in curva forte. Mi diverto a guidare, quindi va bene. Al momento Marquez e Vinales sono un pochino più veloci, perché loro nella FP4 sono riusciti a girare in 2’04”, mentre io mi sono fermato a 2’05”. Stare con loro sarà difficile, ma poi ci sarà un gruppo selvaggio per il podio con me, Iannone, Zarco, Crutchlow e forse anche qualcun altro. Dobbiamo lavorare ancora un pochino su delle cose che non piacciono sulla moto e che ci sia il sole, per fare una bella gara sull’asciutto. Ma anche che questa pioggia non abbia rovinato troppo il grip della pista, perché pomeriggio si cominciava ad andare meglio, ma una lavata così potrebbe aver riportato l’asfalto indietro alle condizioni di venerdì”.

Non poteva mancare un commento su quanto accaduto tra Marquez e Vinales e penalità al pilota Honda:

“Non lo so, non voglio fare polemiche, soprattutto perché non ho visto quello che è successo. In qualifica però sei sempre molto concentrato su te stesso, quindi sono cose che possono succedere“.

Infine sulla riunione in Safety Commission ha concluso:

E’ stato bello perché ci siamo parlati, ci siamo confrontati e c’erano più o meno tutti. Il concetto chiaro è che adesso saranno più duri per i contatti tra i piloti. Vediamo come funzionerà questa cosa”.



FotoGallery