Governo: Rossi (Confindustria), per trattare con Ue serve esecutivo autorevole

Palermo, 21 apr. (AdnKronos) – “Un po’ di preoccupazione c’è perché se questa situazione di incertezza si dovesse protrarre nei prossimi mesi avremmo una situazione di difficoltà. Attualmente lo spread è rimasto stabile anche grazie alla solidità della piccola ripresa economica che stiamo vivendo. Stiamo crescendo, seppure ancora fanalino di coda, ma commentiamo percentuali positive, una crescita economica, del Pil, delle esportazioni e della fiducia”. Così Alessio Rossi, presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, commenta con l’Adnkronos la fase di stallo nella formazione del nuovo Governo.
“Pensiamo che alla fine, nella peggiore delle ipotesi, avremo un governo di responsabilità nazionale o del presidente, come si voglia chiamare – aggiunge -. Succederà quello che è accaduto in Germania: le forze responsabili si mettono insieme su un programma comune e lo portano avanti”. Per il numero uno dei Giovani imprenditori di Confindustria serve “un Governo politicamente forte, o quanto meno autorevole e con alle spalle un consenso parlamentare, per andare a trattare con l’Unione europea su temi fondamentali. Per farlo abbiamo bisogno di un interlocutore che non può essere un Governo transitorio, provvisorio ma un Esecutivo, se non espressione diretta del voto degli italiani, quanto meno di una coalizione che si metta in campo per governare provvisoriamente in un Paese ma con senso di responsabilità”. Arriverà presto? “Sì, sono fiducioso” conclude.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery