Caso Froome, Boonen crede nella buona fede del ciclista: “situazione semplicemente ridicola”

tom boonen LaPresse/PA

Tom Boonen dice la sua dopo le accuse di doping nei confronti di Chris Froome, ciclista trovato positivo al salbutamolo durante l’ultima edizione della Vuelta di Spagna

chris froome

LaPresse/EFE

L’ex ciclista Tom Boonen si è schierato a favore di Chris Froome e del Team Sky in merito al ben noto caso di doping che ha coinvolto il ciclista. Durante l’ultima edizione della Vuelta di Spagna, il britannico è stato accusato di aver utilizzato una quantità eccessiva di salbutamolo (farmaco utilizzato per combattere l’asma). Per ora sia l’UCI che la WADA non hanno preso una decisione in merito a questa spinosa situazione (i tempi tecnici sono molto lunghi e la risoluzione del caso arriverà solo dopo il Tour de France). Chris Froome nel frattempo potrà partecipare a tutte le corse del WorldTour e Professional di questa stagione (Giro d’Italia e Tour de France compresi). Alcuni ciclisti vogliono che il capitano del Team Sky venga sospeso sino alla risoluzione del caso, ma le regole UCI vietano questa prassi. Tom Boonen ha detto la sua in merito  ad un giornale olandese:

“dire che il salbutamolo è doping è semplicemente ridicolo. Sono contrario ai trucchi, ma saresti sorpreso di sapere quanti atleti con problemi respiratori hanno bisogno del salbutamolo per fare il loro sport”. 



FotoGallery