Ha vinto Raiola, Donnarumma partirà… ad un prezzo ‘ridicolo’: basta teatrini, il Milan è d’accordo

LaPresse/Spada

Raiola e il Milan stanno lavorando per la cessione di Gigio Donnarumma: in estate non ci saranno teatrini, l’addio fa tutti felici

LaPresse/Fabio Ferrari

La scorsa estate del tifoso milanista ‘tipo’ ha avuto 3 caratteristiche principali: sole, male e caso Donnarumma. E se magari i primi due se li sono potuti permettere solo i più fortunati, il braccio di ferro fra Raiola e la dirigenza del Milan sul portierino rossonero ha dato diverse noie un po’ a tutti. Il procuratore avrebbe volentieri portato via Donnarumma verso altri lidi, Real Madrid e PSG i più prestigiosi, dando a Donnarumma la dimensione che (a suo dire) meriterebbe. Il Milan si è opposto con fermezza, giudicando il numero 99 un elemento imprescindibile per il futuro della rosa. Da lì in poi minacce di mettere il ragazzo fuori rosa, la famiglia tirata in ballo e più di qualche parola di troppo volata fra Raiola e Mirabelli. Poi l’accordo di pace: rinnovo a 6 milioni l’anno, acquisto del fratello Antonio (con contratto da 1 milione a stagione) e Gigio contento di rimanere, al netto di un diploma perso. Tutto tranquillo, almeno fino alla prossima estate. A quasi un anno di distanza la situazione è diametralmente opposta. Le difficoltà economiche in casa Milan è ben nota a tutti e, in caso di mancato accesso alla Champions League, i rossoneri saranno costretti a realizzare qualche plusvalenza con le cessioni.

LaPresse/Alfredo Falcone

Il Milan avrebbe individuato proprio in Donnarumma la pedina (adesso, molto volentieri) sacrificabile insieme al fratello Antonio. In questo senso il Milan si è già mosso in anticipo acquistando Reina, che Raiola (ma anche la società) si è augurato possa essere il titolare l’anno prossimo. A differenza del passato, la famiglia Donnarumma questa volta non si opporrebbe alla cessione, delusa anche dalle promesse fatte al fratello Antonio, relegato al ruolo di terzo portiere e non a quello di vice. Raiola e il Milan dunque, nonostante mantengano le distanze a livello mediatico, in maniera alquanto ridicola, lavorano verso lo stesso obiettivo che soddisferebbe le esigenze di entrambi, nonostante in estate sia facilmente prevedibile un valzer di portieri: Real Madrid e PSG, le principali interessate a Donnarumma, avrebbero messo gli occhi su Alisson, anche se i Blancos vorrebbero un portiere spagnolo (De Gea). Senza contare il possibile addio di Courtois dal Chelsea, nonostante i problemi del portiere belga siano legati più alla figura di Antonio Conte, pronto a dire addio in estate. Donnarumma non sarebbe dunque l’unico portiere di spessore in odore di cessione, quindi il suo prezzo potrebbe essere ben lontano dai 70 milioni (40 in caso di non accesso alla Champions) della ‘finta clausola’ della quale si vociferava la scorsa estate. Se qualcuno se lo fosse chiesto, in mezzo a tutto ciò ci sarebbe anche Donnarumma che, stando agli ambienti vicini al ragazzo, vorrebbe restare. Peccato che il Milan e Raiola abbiano già deciso…

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery