Olimpiadi: Urzì (Fdi), Provincia Bolzano riconsideri il ‘no’ a candidatura (2)

(AdnKronos) – “La Provincia doveva porsi come portabandiera per un piano di investimenti capace di compenetrare virtuosamente esigenza di infrastrutture con i bisogni futuri del territorio ma non accettare la sfida significa mortificare il nostro territorio e i cittadini che avevano accarezzato l’idea di potere essere i padroni di casa dei giochi del ’26”, spiega.
“I termini scadranno a fine marzo, c’è ancora tempo per un ripensamento, ma intanto modificherò un documento già presentato al Consiglio provinciale perché i primi giorni di aprile, se la posizione della Provincia non sarà modificata, l’Alto Adige si impegni formalmente per mettere a disposizione del Veneto, se a questo punto al solo Veneto saranno assegnati i giochi, tutte le infrastrutture già disponibili nel nostro territorio con la speranza di potere godere indirettamente di questo grande evento mondiale -conclude-. Auspico , e in questo senso va il mio ultimo appello, sentite le corali ed univoche dimostrazioni di interesse della nostra popolazione, che ci sia in ogni modo ancora spazio per un ripensamento. L’appello a Svp e Pd verrà consegnato anche fisicamente la prossima settimana”.

FotoGallery