Caro benzina: Matteo Salvini vuole eliminare le accise sui carburanti

benzina

Il capo della Lega ha promesso di eliminare le accise sui carburanti che pesano più del 50% sul costo finale della benzina

Lo aveva promesso in campagna elettorale e lo ha ribadito successivamente: il capo della Lega, Matteo Salvini, ha dichiarato che eliminerà le accise sui carburanti in occasione del suo primo Consiglio dei Ministri, quando diventerà Premier.

Innanzi tutto, bisogna vedere se Salvini riuscirà a formare un Governo guidato proprio da lui e in secondo luogo bisognerà capire dove troverà i fondi per finanziarie questa decisione.

Ricordiamo che le accise sui carburanti  pesano più del 50% sul costo finale di benzina e diesel, mentre la loro applicazione è avvenuta nel corso degli anni per sovvenzionare numerose situazioni d’emergenza.

L’elenco delle accise sui carburanti

    1,90 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935-1936;

    14 lire (0,00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;

    10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963;

    10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo l’alluvione di Firenze del 1966;

    10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Belice del 1968;

    99 lire (0,0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976;

    75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980;

    205 lire (0,106 euro) per il finanziamento della guerra del Libano del 1983;

    22 lire (0,0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996;

    0,02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004;

    0,005 euro per l’acquisto di autobus ecologici nel 2005;

    0,0051 euro per far fronte al terremoto dell’Aquila del 2009;

    da 0,0071 a 0,0055 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011;

    0,04 euro per far fronte all’arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011;

    0,0089 euro per far fronte all’alluvione che ha colpito la Liguria e la Toscana nel novembre 2011;

    0,082 euro (0,113 sul diesel) per il decreto “Salva Italia” nel dicembre 2011;

    0,02 euro per far fronte ai terremoti dell’Emilia del 2012.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery