Chelsea, niente Blues! Sulla Rambla è il ‘Messi one man show’: la Pulce certifica il fallimento di Conte, apprezzato solo… in Italia

Antonio Conte Barcellona Chelsea LaPresse / AFP PHOTO / Josep LAGO

Il Barcellona supera il Chelsea per 3-0 grazie ad una grande prova di Leo Messi: la Pulce mette a nudo la stagione fallimentare di Antonio Conte, l’ultima con i Blues

Leo Messi Chelsea Barcellona

LaPresse / AFP PHOTO / Josep LAGO

Non era un mistero che la rimonta del Chelsea fosse complicata, ma fra le difficoltà del ribaltare l’1-1 di Stamford Bridge e subire un netto 3-0 al Camp Nou c’è una discreta differenza. Su Las Rablas risuona un ritmo caliente, latino, con note dallo spiccato gusto sudamericano. È il ‘one man show’ di Leo Messi che mette lo zampino in tutti e 3 i gol dei blaugrana: due portano la sua firma, il primo e il terzo, mentre nel secondo la Pulce veste i panni di assistman per Dembele. Superiorità imbarazzante quella di Messi, elegante, sfuggente e letale ogni qualvolta accarezza la sfera con il suo piede sinistro: un tango argentino ad ogni passo che inebria i sensi della difesa del Chelsea per poi colpirla ripetutamente al cuore. In mezzo a tanta passione stonano le note di un timido Blues a firma Antonio Conte. Il Barcellona ha certificato l’annata orribile del Chelsea: – 25 dal Manchester City in Premier League, ko nella Carabao Cup e in corsa solo in FA Cup.

Conte

LaPresse/Reuters

Il fallimento di Antonio Conte, ancora ben lontano da quella Champions League che sembra ormai una vera e propria condanna. L’avventura dell’ex allenatore della Juventus a Londra terminerà, con grande probabilità, a fine stagione. Quale destino dunque per Antonio Conte? L’ex CT azzurro va via da Londra ridimensionato: anche il PSG che lo ha sempre tenuto in grande considerazione sembra tenerlo come piano di riserva per la panchina, addirittura dopo Massimiliano Allegri, suo successore alla Juventus, e diversi altri profili. Conte sembra avere estimatori ormai solo in Italia, nella quale gode ancora di rendita dopo i successi in bianconero. Non è un mistero come il Milan lo abbia corteggiato più volte in estate, ma i rossoneri il loro ‘piccolo Conte’ sembrano averlo trovato in Gattuso che, se dovesse continuare con questi risultati fino a fine stagione, difficilmente verrà esonerato. Stuzzicante l’idea Nazionale: Conte è stato inserito nel lotto dei principali candidati fra i quali verrà scelta il prossimo CT azzurro. Un ritorno al passato, per riprendere in mano un progetto abbandonato a metà fin troppo presto. Un’occasione dalla quale ricominciare, con qualche pressione in meno e risultati più ‘a lungo termine’. In attesa che la musica cambi per Antonio, più vicina ai suoi canoni, più italiana, più tradizionale.

Leggi anche >>> Champions League, il quadro delle qualificate ai quarti è completo: i pericoli da evitare per Juventus e Roma

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery