Aeroporti: Sacbo, risolto contenzioso su servizi rifornimento carburante Orio

Milano, 20 mar. (AdnKronos) – Si è risolto il contenzioso sui servizi di rifornimento carburante avio nell’aeroporto di Orio al Serio, apertosi lo scorso 14 giugno 2017 davanti all’Autorità garante della concorrenza e del mercato in merito all’istruttoria “per abuso di posizione dominante nel mercato dei servizi di messa a bordo di carburante avio” avviata nei confronti di Sacbo, società che gestisce lo scalo bergamasco e, contestualmente, di Levorato Marcevaggi, titolare dell’unico deposito di stoccaggio di jet fuel presente all’interno del sedime aeroportuale. Lo rende noto Sacbo.
“L’istruttoria -spiega la società in una nota- aveva l’obiettivo di accertare l’esistenza di due distinti abusi di posizione dominante, ai sensi dell’articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (Tfue) attinenti alle modalità di gestione e di utilizzo dell’unico deposito di carburanti presente nell’aeroporto di Bergamo”. Sacbo, “seppure fermamente convinta della piena legittimità del proprio operato, ha presentato una serie di impegni di natura comportamentale volti a superare le criticità concorrenziali ravvisate nel provvedimento di avvio dell’istruttoria, che faceva riferimento a una strategia tale da impedire la concorrenza nel mercato dei servizi di messa a bordo di carburante avio all’aeroporto di Bergamo”.
In data 15 marzo 2018, “l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha accolto gli impegni presentati da Sacbo, riconoscendo che questi assicurano una piena concorrenzialità dello scalo, chiudendo l’istruttoria senza l’accertamento di alcuna infrazione e senza comminazione di sanzioni”.



FotoGallery