Olimpiadi Invernali 2018 – Sci alpino: azzurri sfortunati nel gigante, ecco le loro dichiarazioni a caldo

Secondo oro olimpico in altrettante gare per Marcel Hirscher a PyeongChang. Il fenomenale campione austriaco, vincitore nella supercombinata, si è ripetuto nel gigante disputato sulla pista di Yongpyong, nella quale ha dominato la concorrenza, infliggendo distacchi pesantissimi agli avversari. Prova bella ma sfortunata di Riccardo Tonetti, il più vicino degli azzurri a conquistare un piazzamento di prestigio. L’altoatesino, addirittura quarto a metà gara con pochi centesimi di ritardo dalla zona podio, e’ rimasto a contatto delle posizioni di vertice fino a poche porte dal traguardo, quando è uscito di pista. Protagonista nella prima manche anche Luca De Aliprandini, il quale aveva addirittura iul secondo tempo quando è finito nelle reti dopo essere stato sbalzato da un dosso a poche porte dalla conclusione. Il trentino ha preso una botta alla gamba sinistra, ma le radiografie effettuate non hanno evidenziato fortunatamente alcuna conseguenza fisica. Alla fine il migliore è risultato Manfred Moelgg, tredicesimo a 3″00, seguito da Florian Eisath quattordicesimo a 3″14. Le dichiarazioni degli azzurri al termine del gigante maschile di PyeongChang.

Riccardo Tonetti: “Sono contento della mia gara, mi sono detto di partire nella seconda manche sattamente come avevo fatto nella prima, non avevo mai vissuto questa situazione nemmmeno in Coppa del mondo, anche sei primi tre classificati erano di un altro pianeta. Spero che la gente a casa si sia divertita e magari emozionata nel vedermi scendere, ci ho messo tutto me stesso per raggiungere questo risultato. Andiamo a casa nella gara di oggi senza medaglie, ma a livello personale è stata una giornata di ricordare per sempre, me la sono goduta“.

Manfred Moelgg: “Nella prima manche ho sciato proprio male sul muro, nella seconda manche ho rischiato molto di più e pur rischiando di uscire è andata meglio. Sono deluso perchè la prestazione non è stata pari alle attese, guardiamo avanti. Poteva andare un po’ tutto diversamente in termini di squadra, ma Tonetti e De Aliprandini sono stati protagonisti“.

Florian Eisath: “Era un tracciato che mi piaceva, ma bisognava adattarsi e non ci sono riuscito. Si poteva intuire cosa ci aspettava, ci eravamo allenati apposta per queste condizioni, non sono riuscito a interpretare purtroppo come dovevo la pista. Oggi questo era il mio livello“.

Luca De Aliprandini: “Ho preso una bella botta e mi fa abbastanza male, ma per fortuna dovrebbe essere solo una botta. E’ un peccato per la gara, bisogna provarci in questo tipo di gare. Vengo da un periodo un po’ strano in cui ho alternato il mio miglior risultato in Coppa del mondo ad Adelboden e il mio peggior risultato a Garmisch. Dopo Gramisch ho fatto un reset completo dei materiali e ho lavorato con l’azienda. Mi sentivo bene nella parte alta, mentre in quella centrale non pensavo di aver fatto così bene, quindi ho tirato perché volevo fare una bella manche e purtroppo è andata così“.



FotoGallery