MotoGp – Tech3 dice addio alla Yamaha, il team di Iwata adesso a caccia di alternative! Poncharal svela: “ci hanno offerto un accordo e non ho potuto dire di no”

Tech3 Yamaha LaPresse/AFP

Kouichi Tsuji e Hervè Poncharal commentano l’annuncio della separazione tra Tech3 e Yamaha a partire dalla stagione 2019

Poncharal motogp Valentino RossiCirca un’ora fa il clamoroso annuncio ufficiale: la Tech3 ha deciso di separarsi dalla Yamaha a partire dalla fine della stagione 2018 di MotoGp. Il team francese non sarà più quindi una squadra satellite del team di Iwata, a causa di una nuova offerta alla quale il boss Poncharal non ha potuto dire di no. Si aprono quindi importanti scenari: questa separazione infatti potrebbe anche far pensare ad uno spazio per un team di Valentino Rossi nella categoria regina. Nel comunicato stampa diramato dalla Yamaha, le parole del general manager Motorsports Development Division, che non ha nascosto la volontà di voler continuare ancora la collaborazione col team francese e le spiegazioni e i ringraziamenti del boss della Tech 3. Queste le parole di Kouichi Tsuji:

“Recentemente siamo stati informati da Hervè Poncharal, proprietario della Tech3, che non ha deciso di non estendere il contratto con la Yamaha per l’utilizzo delle moto M1. Dopo diverse discussioni con Hervè, è stato chiaro che ha scelto di allinearsi con un nuovo partner per il futuro e quindi, purtroppo, siamo stati costretti a rispettare e accettare la sua decisione. La fine di una collaborazione così di successo è sempre un po’ triste, poichè stabilisce anche la fine di una relazione a lungo termine. Siamo molto grati a Hervè per la lealtà e il supporto al brand Yamaha e per gli eccellenti risultati ottenuti nel tempo. Continueremo a dare il nostro supporto alla Tech3 e ai loro piloti per tutta la stagione 2019, mentre valuteremo le nostre opzioni per un team alternativo nella classe di MotoGp per il 2019 e oltre”

Questo invece il commento di Poncharal:

“riassumere 20 anni di incredibile collavborazione tra Tech3 e Yamaha in poche parole è una missione molto difficile. Dalla prima volta che ho incontrato Mer. Lio nel 1998, quando mi ha dato l’opportunità di unirmi alla Yamaha Motor Corporation, è stato uno straordinario viaggio insieme. Tutto quello che ricordo sono momenti fantastici: strepitosi riultati, un’atmosfera bellisima, e sentimenti sbalorditivi che abbiamo condiviso con la famiglia Yamaha, che sarà sempre nella mia testa e nel mio cuore. Chiaramente, la fine di questo tipo di collaborazione è una grande decisione per me. Tutto quello che voglio dire è più che un semplice grazie alla Yamaha, a Mr. Tsuji, Mr Tsuya, Mr. JArvis e Mr. Nakajima, e tutti i ragazzi che ci hanno supportato e aiutato. Tech3 è una piccola compagnia che deve pensare al suo futuro e deve valutare le differenti opzioni. Ci è stato offerto un accordo, che include qualcosa che stavamo aspettando da quando abbiamo iniziato con Tech3 e non ho potuto dire di no, ma ovviamente siamo il Monster Yamaha Team fino all’ultimo giro del Gp di Valencia 2018. Johann Zarco e Hafizh Syahrin lotteranno per le migliori posizioni e senza dubbi Yamaha potrà contare su di noi come partner lealmente performante. Ancora una volta un grande grazie per il supporto della Yamaha. Spero che possano andare avanti e avere il successo che si meritano ed eventualmente trovare un partner per rimpiazzare la Tech3.

LEGGI ANCHE >>> MotoGp – Clamoroso annuncio della Tech3: il team francese dice addio alla Yamaha dopo 18 anni

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery