Atletica – Banska Bystrica: bene Alessia Trost al meeting indoor slovacco, deludono Tamberi e Fassinotti

Serata positiva per Alessia Trost al meeting indoor di Banska Bystrica. Non sorridono invece Tamberi e Fassinotti 

Terzo posto e primato stagionale per Alessia Trost al meeting indoor di Banska Bystrica. In Slovacchia l’altista azzurra è impeccabile nelle prime quattro misure della progressione: senza errori 1,80, 1,84, 1,88 e l’1,91 che migliora di un centimetro il recente season best realizzato ad Hustopece. La 24enne pordenonese delle Fiamme Gialle affronta poi 1,94; alla seconda prova sembra quasi fatta, ma l’asticella cade dai ritti così come nell’ultimo tentativo a disposizione. “Ovviamente non sono contenta della misura – il commento della saltatrice friulana –, ma guardo con fiducia all’1,91 fatto e il secondo 1,94 mancato di poco. C’è ancora molto da lavorare e da migliorare, ma rimango con un atteggiamento positivo”. Battuta la bulgara, argento olimpico 2016, Mirela Demireva, oggi quinta con 1,91. La vittoria, davanti a Levern Spencer(1,94), va a Mariya Lasitskene-Kuchina che svetta a quota 2,02, dopo qualche inaspettato tentennamento a 1,91 (alla terza), 1,94 (alla seconda) e 1,97 (alla terza). Per la cronaca questa è il 33esimo successo consecutivo della 25enne russa, la 29esima gara in carriera conclusa sopra i 2 metri. L’iridata tenta per tre volte anche l’assalto a un 2,06 che l’avrebbe portata a eguagliare il personale outdoor e il record russo indoor (Anna Chicherova nel 2012) e a superare il primato del meeting (2,05 di Blanka Vlasic nel 2006). Niente da fare. Almeno per stasera. Serata no invece per Gianmarco Tamberi. Il 25enne marchigiano delle Fiamme Gialle (accreditato con uno stagionale di 2,25) entra in gara a 2,15, ma già dai salti di riscaldamento si intuisce che forse qualcosa non sta girando al meglio. Errore vistoso alla prima prova, nelle altre due a disposizione accenna lo stacco e poi spazza via l’asticella con il braccio. Niente da fare, il campione mondiale indoor ed europeo oggi esce di scena a testa bassa, senza misura e con tanta delusione addosso. L’altro italiano impegnato nella riunione slovacca è Marco Fassinotti. Il 28enne torinese dell’Aeronautica inizia la sua ascesa senza sbagli: 2,15 e 2,20 sono subito risolti. Una prima “X” compare nella sua progressione a 2,25, ma l’azzurro si riscatta prontamente al secondo ingresso in pedana. Per lui è primato stagionale di un centimetro pareggiando la migliore prestazione italiana 2018 di Tamberi. Peccato poi per il terzo tentativo a 2,28 che sembra praticamente fatto, ma un lieve contatto in fase di richiamo fa sussultare e finire giù l’asticella. Vittoria con 2,31 al cinese Yu Wang che si prende la soddisfazione di lasciarsi alle spalle l’iridato e superfavorito Mutaz Barshim (2,31, ma con un errore di troppo a 2,25).

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery