Brutti e (finalmente) felici, Sarri ha capito la strada da seguire: imitare Allegri per far vincere il suo Napoli

Sarri Sarri - LaPresse/Mauro Locatelli

Sarri finalmente intraprende il primo passo verso il processo di ‘Allegrizzazione’: ora sì che il suo Napoli può ambire allo scudetto

Sarri

Sarri – LaPresse/Mauro Locatelli

Finalmente Sarri. O “meglio tardi che mai”, fate pure voi. Perché l’allenatore del Napoli sembra forse aver capito la strada da seguire per togliersi l’etichetta di perdente di successo: la sua squadra a Bergamo soffre, anche tanto a tratti, ma – per la prima volta in stagione – evita la ricerca spasmodica del palleggio proprio su indicazione del suo allenatore (come dimostrano anche i cambi, con Insigne richiamato in panchina) e porta a casa tre punti che, nell’ottica complessiva della stagione, potrebbero risultare pesantissimi. Brutti (o comunque meno belli del solito) e felici. Perché riuscire a imporsi a Bergamo contro la ‘bestia nera’ Atalanta è un successo che va ben oltre i tre punti: una vittoria che dà morale, consapevolezza e che mette pressione alla Juventus chiamata a vincere per non scivolare a -4. Ma che soprattutto per la prima volta dimostra il primo passo verso il processo di ‘Allegrizzazione’ che quest’oggi sembra aver intrapreso Sarri. Meno belli, più pratici. A tratta cinici. L’unica via per il successo del suo Napoli.



FotoGallery