Figc, Gravina svela: “ho spiegato la mia riforma programmatica, l’unica presentata finora”

Gabriele Gravina LaPresse/Fabio Cimaglia

Il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, ha parlato al termine del suo incontro con la commissione della Lega di Serie A

“Da questo incontro emerge chiaramente lo scenario di un gruppo di lavoro che racchiude le diverse anime di una Lega molto frazionata e che non riesce a fare sintesi. Siamo in attesa di riscoprire la capacita’ di una Lega Serie A di esercitare la propria leadership oltre che di annunciarla continuamente”. Lo ha detto il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, al termine del suo incontro con la commissione della Lega di Serie A incaricata di aprire un confronto con le diverse componenti federali, in vista dell’elezione del nuovo numero uno della Figc. “Ho avuto la possibilita’ di spiegare la mia riforma programmatica, l’unica presentata finora da quello che ho capito – ha aggiunto -. La commissione della serie A ha trovato nella mia piattaforma quello che pensava di individuare come elemento di interesse, ma emergono comunque delle fratture. C’e’ l’interesse a presentare una candidatura da parte della Lega di A, ma serve un profilo condiviso e per ora la A non l’ha trovato. Anche se ci sono gli stessi metodi del passato, non accetteremo le stesse formazioni, piuttosto ci asterremo o sceglieremo metodi diversi”. A proposito del programma da 60 pagine presentato alla Lega Serie A e alle altre componenti, Gravina ha spiegato: “Ci sono le seconde squadre, ma e’ una piccola aspirina. Gli asset fondamentali sono due: i settori giovanili e le infrastrutture, ma noi indichiamo anche gli strumenti per realizzarli. Poi parliamo anche della riforma del peso elettorale e delle modalita’ elettive, con una gold share per la Lega di Serie A, ma anche di riforma dei campionati e della giustizia sportiva”. (ITALPRESS)



FotoGallery