F1 – Attacco frontale alla Ferrari, il nemico è… Todt: il presidente della FIA pronto a ‘scippare’ il Cavallino

LaPresse

Il presidente della Fia vorrebbe ridiscutere il diritto di veto della Ferrari, provando a scippare questo strumento al Cavallino

LaPresse/Photo4

Jean Todt continua a dirsi favorevole ad un tetto di spesa in Formula 1, ma non può bastare il solo budget cap a contenere i costi della massima serie automobilistica. Il presidente della Fia è d’accordo sul fatto che debbano essere presi provvedimenti in termini di limiti di spesa, ma il suo pensiero sulla questione è molto più articolato e riguarda anche il lungo periodo. La situazione non è affatto semplice, a maggior ragione se si considera l’ostracismo di Mercedes e Ferrari, che hanno minacciato prese di posizione clamorose nel caso in cui la Formula 1 dovesse perdere il proprio dna. Sulla questione il numero uno della FIA ci è tornato ad Abu Dhabi, nel corso di una conferenza stampa:

Se Mercedes e Ferrari decideranno di lasciare sarà solo una loro libera scelta, non vogliamo che nessuno lasci. Specialmente la Ferrari che rappresenta la storia della Formula Uno. Sarebbe doloroso anche per loro, ma questo non è più un compito che mi riguarda. Il diritto di veto di Maranello? Sono decenni che la Ferrari vanta questo strumento. Quando discuteremo sui nuovi accordi, questo sarà uno degli argomenti che affronteremo”.

FotoGallery