Ciclismo su pista – Coppa del mondo: oro nel madison per Paternoster-Confalonieri, quante medaglie per gli azzurri

Sì è conclusa la 5^ e ultima prova di Coppa del Mondo Uci. Per l’Italia un ottimo bilancio: l’argento delle azzurre nel quartetto con il primato nella classifica finale di Coppa a cui si aggiunge il primato degli uomini. L’oro nel Madison della coppia Confalonieri-Paternoster e l’argento di Maria Giulia Confalonieri nella corsa a punti

L’ultimo giorno della Coppa del Mondo disputata a Minsk, in Bielorussia, regala la gioia del trionfo azzurro nel madison donne. Dopo i due argenti (quello del quartetto rosa e quello della Confalonieri nella corsa a punti) arriva l’oro di Letizia Paternoster e Maria Giulia Confalonieri nella prova più spettacolare inserita recentemente dall’UCI nel programma mondiale della pista femminile. La gara è stata entusiasmante e incerta fino al termine, con le azzurre scatenate nei giri finali che con 29 punti hanno preceduto di tre lunghezze le olandesi Kirsten Wild e Amy Pieters, tenacissime rivali fino all’ultimo sprint. Terze le non meno valide russe Maria Novolodskaya e Olga Zabelinskaya a 4 punti. Ancora una volta sono le ragazze di Salvoldi a portare il tricolore sul pennone più alto e ad intonare l’Inno di Mameli tra gli applausi del pubblico.

ITALIA LEADER IN COPPA NELL’INSEGUIMENTO A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE

#RocketGirls d’argento e primato in Coppa nella specialità olimpica dell’inseguimento a squadre

Dopo aver registrato il 2^ tempo di qualifica (4’24″240) e aver superato agevolmente il Canada nel primo turno della semifinale (in 4’28”250 contro 4’29”131 delle avversarie), nella finale oro-argento contro gli Stati Uniti, l’Italia ha comunque entusiasmato. Inutile nascondere che sulla carta gli Stati Uniti sono partiti come favoriti, ma è pur vero che le azzurre del CT Salvoldi (Simona Frapporti, Elisa, Balsamo, Marta Cavalli e Martina Alzini, quest’ultima ha sostituito la Paternoster dopo la prova di qualifica) hanno dato del filo da torcere al colosso statunitense. L’oro è andato alle statunitensi con un 4’15”673. Per le azzurre #RocketGirls un 4’23”921 che vale uno splendido argento.  Le ragazze di Salvoldi, nonostante gli avvicendamenti, hanno raggiunto una costanza di rendimento pregevole, che frutta all’Italia il primato nella classifica finale di Coppa della specialità olimpica con 3700 punti. Seguono il Canada (p. 2700) e la Francia (p. 2650).

Azzurri del quartetto vincono il primato nella classifica finale di Coppa nella specialità olimpica

Con l’ottavo tempo (4’05″654) in qualifica, gli azzurri (Francesco Lamon, Davide Plebani, Davide Viganò e Marco Coledan al posto del giovane Carloalberto Giordani) hanno incontrato al primo turno, la Francia che, con un 4’01”631 ha vinto sui 4’04”807 degli azzurri che hanno comunque migliorato il tempo di qualifica aggiudicandosi il sesto posto. L’oro è andato al Team KGF in 3’56”015 che ha migliorato il suo crono di qualifica (1^ tempo in 3’57”202). Grazie anche ai risultati precedenti l’Italia anche nel settore maschile vince il primato di Coppa nella specialità olimpica con 2950 punti davanti a Danimarca (2^ con 2850 punti), Germania (3^ con 2800 p.).

L’argento di Maria Giulia Confalonieri nella corsa a punti

Splendido argento conquistato da Maria Giulia Confalonieri nella finale della Corsa a punti donne. L’azzurra ha tenuto testa alla favoritissima olandese Kirsten Wild, che si è aggiudicata la prova con 45 punti, 12 in più dell’italiana (33 punti). Al terzo posto la norvegese Anita Yvonne Stenberg con 28 punti. 

In evidenza nelle tre giornate di Coppa

Ottima la prestazione di Marco Coledan, sesto tempo in 4’21”967, nell’inseguimento individuale. Bel ritorno con una performance di spessore mondiale.  Splendida anche la prestazione di Letizia Paternoster nell’omnium olimpico. L’azzurra partiva nella corsa a punti finale dal quarto posto parziale con 94 punti, preceduta dall’olandese Wild Kirsten (108 punti), dalla britannica Elinor Barker (104 punti) e dalla statunitense Jennifer Valente (102 punti). Le posizioni non sono cambiate al termine del carosello conclusivo ma i punteggi finali indicano che Letizia è stata la migliore delle big nell’ultima delle quattro prove, tuttavia l’entusiasmante rimonta non è bastata a portarla sul podio. Ha concluso con 112 punti a due sole lunghezze dall’americana Valente (114), a sette dalla britannica Elinor Barker (119) e a dieci dall’ olandese Kirsten Wild, vincitrice con 122 punti. Questi i parziali della Paternoster: terza nello scratch, settima nella gara a tempo, sesta nell’eliminazione, prima nella corsa a punti. Nel madison maschile si sono imposti al termine di un serrato confronto i cinesi di Honk Kong Wing Leung Chun e King Lok Cheung con 30 punti. Onorevole piazzamento nella Top Ten degli azzurri Francesco Lamon e Davide Plebani. Elena Bissolati, che con Miriam Vece hanno raggiunto la top ten nella velocità a squadre (settime), vinta dalla Germania, ha concluso il suo torneo odierno del keirin, ai recuperi. L’oro è andato alla belga Niky Degrendele. Mentre nell’omnium maschile disputato oggi, al via il giovane azzurro CarloAlberto Giordani che ha concluso la sua prova, valida come importante confronto internazionale, al 14 posto. L’oro è andato all’olandese Jan Willem Van Schip. Francesco Lamon si è misurato anche nello scratch. Peccato che non sia entrato nel gruppetto dei tre: il biellorusso Yauheni Karaliok, il portoghese Oliveira e l’ucraino Vitaliy Hryniv, che hanno conquistato il giro e, all’arrivo rispettivamente l’oro, l’argento ed il bronzo.

MEDAGLIE AZZURRE

Oro – Maria Giulia Confalonieri e Letizia Paternoster – Madison donne
Argento – Maria Giulia Confalonieri – Corsa a punti donne
Argento – Simona Frapporti, Elisa, Balsamo, Marta Cavalli e Martina Alzini con Letizia Paternoster – Inseguimento a squadre donne

FotoGallery