Cessione Milan, Yonghong Li (forse) allo scoperto: “acquisto club trasparente e regolare”

Yonghong Li, Milan Milan alle prese con una condizione societaria a dir poco complessa, Yonghong Li traballa ed Elliott sembra leccarsi i baffi pronta a subentrare (Ufficio Stampa AC Milan/Buzzi -)

Il presidente del Milan Yonghong Li risponde in prima persone alle accuse relative all’acquisto del club dello scorso aprile minacciando azioni legali

Yonghong Li, Milan

LaPresse/Spada

Finalmente Yonghong Li, verrebbe da dire. Perché dopo il polverone degli ultimi giorni in merito alla presunta inchiesta aperta dalla Procura di Milano (che ha ufficialmente smentito) sulle irregolarità relative alla cessione del Milan da parte di Silvio Berlusconi, adesso il proprio del club rossonero prende ufficialmente posizione e lo fa con un comunicato ufficiale

“I recenti articoli pubblicati dai quotidiani italiani ‘La Stampa’ e ‘Il Secolo XIX’, e poi ripresi da molti altri organi di informazione, relativi a una presunta indagine per riciclaggio a carico del gruppo Fininvest – vicenda poi smentita dalla stessa Procura della Repubblica – mi impongono di fare delle precisazioni in quanto parte coinvolta in questa vicenda. Il processo di acquisizione di AC Milan si è sempre svolto con la massima trasparenza, regolarità e correttezza, con il supporto e la consulenza di advisor finanziari e legali di livello internazionale. Tutte le procedure sono state seguite nel pieno rispetto delle leggi e delle prassi vigenti. Tutti gli Istituti finanziari, sportivi e le authority coinvolti hanno ricevuto nei tempi previsti la documentazione necessaria o richiesta per valutare ed approvare non solo il processo di ‘closing’ ma anche i requisiti della nuova Proprietà ora alla guida del Club. Ciò che ho letto in questi giorni non riflette nel modo più assoluto la realtà dei fatti. Ritenendo pertanto la mia persona, il Gruppo che presiedo, e A.C. Milan S.p.A. parti lese di questa spiacevole e inaccettabile campagna mediatica – basata su congetture e informazioni non corrette – ci riserviamo di avviare tutte le opportune azioni legali al fine di tutelare al meglio l’immagine, la reputazione e la consistenza economica delle società del Gruppo A.C. Milan S.p.A.”.



FotoGallery