Atalanta, Gasperini si gode il successo ma punge Kolarov: “perchè ha fatto l’occhiolino?”

Gasperini LaPresse/Mauro Locatelli

Grande entusiasmo per Gasperini, riuscito a irretire la Roma grazie ad un gioco bello e avvolgente. L’espulsione di De Roon però non è piaciuta all’allenatore nerazzurro

LaPresse/AS Roma/Luciano Rossi

“E’ normale che in 10 avremmo sofferto, e’ una partita spezzata in due: un primo tempo molto molto buono, con due gol, situazioni pericolose e, direi, un buon dominio della gara; nella ripresa c’e’ stata giustamente sofferenza, abbiamo preso gol presto, ma in questo momento i ragazzi hanno morale, una fiducia enorme e tanto tanto carattere. Volevano bissare la vittoria con il Napoli contro una grande squadra come la Roma, in questo momento il morale e’ altissimo e per noi e’ una vittoria straordinaria”. Gian Piero Gasperini si gode l’ennesima impresa della sua Atalanta, capace di sbancare l’Olimpico giallorosso nonostante un’intera ripresa giocata in inferiorita’ numerica per l’espulsione (dubbia) di de Roon: “Non entro in argomento – sottolinea il tecnico nerazzurro ai microfoni di Premium Sport -. Ho gia’ sentito dei commenti, date l’interpretazione che volete voi…Anche l’interpretazione dell’occhiolino, secondo voi perche’ Kolarov ha fatto l’occhiolino?”.

LaPresse/AS Roma/Luciano Rossi

Gasperini preferisce guardare alla sua squadra che “ha fatto passi avanti notevoli” anche negli scontri con le big. “Riconosciamo grande forza e rispetto alle avversarie ma se le partite si incanalano in un certo modo riusciamo ad affrontarle con forza e tecnica e ci sentiamo di poter fare dei risultati con chiunque. Siamo cresciuti molto sotto l’aspetto della personalita’, all’andata con Roma e Napoli abbiamo perso di pochissimo pur facendo due buone gare. Avevamo meno presenza e meno sicurezza, adesso abbiamo piu’ tranquillita’ e fiducia. Siamo andati a Milano, ora a Roma, in queste condizioni riusciamo a esprimerci bene. Se in casa riusciamo ad alzare il livello di certe partite, vedi come col Cagliari, possiamo riproporci per una classifica importante nella nostra fascia”.

Gasperini, Atalanta

Gasperini, LaPresse/Mauro Locatelli

Gasperini si complimenta con i suoi: “Cornelius e’ un giocatore molto fisico, che con l’interno sinistro ha un ottimo calcio e negli spazi si esalta, Papu lo conosciamo mentre Ilicic in questo momento attacca la profondita’ con convinzione e con tecnica. Queste sono le nostre armi principali, nel primo tempo abbiamo fatto una grande gara. Se ci aspetteranno tanti tifosi a Bergamo? Non so ancora, ma immagino di si’. In questo momento basta un messaggino e si mobilita’ mezza citta’…”. A chi gli chiede se la panchina della Nazionale potrebbe essere un obiettivo, Gasperini replica che “per la nostra generazione l’azzurro sarebbe un traguardo fantastico, top, ma e’ anche vero che in questo momento le richieste a un allenatore della Nazionale sono molto molto alte rispetto a quanto lui possa incidere. Non e’ facile. E’ un ruolo molto difficile, quasi da direttore tecnico. Serve soprattutto che le squadre italiane abbiano giocatori molto bravi…”. (ITALPRESS)

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery