Milan, che umiliazione! Bocciato il voluntary agreement presentato dai rossoneri: ecco perchè Fassone non ha convinto l’Uefa

Ufficio Stampa AC Milan/Buzzi -

Milan, bocciato il voluntary agreement presentato all’Uefa: il piano stilato dalla società rossonera non presenta abbastanza garanzie

Brutte notizie da Nyon per il Milan. Secondo la “Gazzetta dello Sport”, la commissione del fair play Uefa avrebbe deciso di bocciare il voluntary agreement richiesto dal club rossonero.

La Uefa non ha dato credito al piano di sviluppo e risanamento presentato dal management rossonero e all’affidabilità e consistenza patrimoniale della proprietà cinese. Sul piano pratico il no al voluntary presuppone che il Milan sarà sottoposto a delle sanzioni, in vista di un’eventuale partecipazione alle coppe europee: la quantificazione delle stesse verrà decisa in primavera“.

L’ad Fassone e il suo staff si erano recati il mese scorso a Nyon per presentare il piano

ma evidentemente le informazioni fornite non sono bastate, perchè ha pesato in maniera negativa il contesto di incertezza che avvolge l’intera operazione rossonera firmata da Li Yonghong. L’appesantimento del bilancio 2017-18 (e di quelli successivi) per via della sontuosa campagna acquisti dell’estate ha aggiunto un ulteriore elemento alle valutazioni di Nyon“.

Niente moratoria, dunque, e sanzioni in vista per il Milan che potrebbe anche “avere qualche difficoltà a rientrare nei requisiti richiesti per il settlement agreement, cioè il patteggiamento a cui sono state sottoposte già Inter e Roma“. (ITALPRESS)

FotoGallery