Ciclismo, Felice Gimondi a carte scoperte: “Chris Froome potrebbe vincere il Giro d’Italia”

Luigi Sestili

Felice Gimondi, dopo aver visto il percorso dell’edizione 101 del Giro d’Italia, crede nella possibilità di vittoria di Chris Froome

Il percorso del Giro d’Italia 2018 è stato svelato definitamente. La grande corsa a tappe, giunta alla 101ª edizione, ha rivelato le 21 tappe che accompagneranno i tifosi lungo le principali strade e salite della penisola. Un Giro d’Italia che si preannuncia molto difficile a causa delle tappe di alta montagna come lo Zoncolan. L’edizione 101 della corsa in rosa sarà impreziosita dalla presenza di Chris Froome che rientra al Giro d’Italia dopo una lunga assenza. Il ciclista del team Sky sarà l’avversario numero uno da battere, ma attenzione a Fabio Aru, Domenico Pozzovivo, Thibaut Pinot, Esteban Chaves e Alejandro Valverde. Ancora Vincenzo Nibali e Tom Dumoulin non hanno deciso se partecipare o meno alla corsa italiana. La presenza di Chris Froome ha dato un vero e proprio scossone all’ambiente e tutti i corridori dovranno inventarsi una tattica per chiudere il blocco britannico. Felice Gimondi, ex corridore e vincitore di 3 Giri d’Italia, ha raccontato il suo pensiero sulla presenza del capitano del Team Sky sul portale cyclingtips.com:

 “la presenza di Froome al Giro d’Italia era indispensabile, perché chi ha vinto la Vuelta di Spagna o il Tour de France deve provare a vincere la corsa in rosa. Sono certo che abbia le capacità di vincerlo e di provare a realizzare la doppietta Giro-Tour, così iscriverebbe il suo nome nell’albo dei grandi del ciclismo. Chris Froome può vestire la maglia rosa dalla prima tappa fino all’ultima e in salita è difficile staccarlo. A cronometro può tenere botta a corridori come Dumoulin. Poi ovviamente occhio a Fabio Aru che non partirà battuto”. 



FotoGallery