F1, Hamilton non si accontenta: “stagione positiva ma non perfetta, a Melbourne pensavo già di vincere”

LaPresse/Reuters

Lewis Hamilton ha parlato delle sue vacanze degli obiettivi per la prossima stagione, sottolineando come voglia continuare a puntare al massimo

LaPresse/Photo4

Ancora qualche anno al volante di una monoposto di Formula 1 e poi, per Lewis Hamilton, sarà il momento di dire basta. Il momento non è poi così lontano, visto che proprio l’attuale campione del mondo ha svelato di non voler andare oltre il 2020. Per il momento però non è quello a cui il britannico pensa, adesso c’è spazio solo per vacanze e relax, prima di iniziare una nuova stagione in cui lotterà senza dubbio per il titolo:

“Mi reco sempre nella stessa località in montagna ogni anno. Ho i miei cani, giochiamo sulla neve, ed è molto tranquillo e silenzioso. Trascorro la maggior parte della giornata seduto accanto al caminetto, ma andiamo anche a sciare, guardiamo qualche film e recupero qualche serie TV che ho mancato durante l’anno. Non ho mai visto nessun episodio del Trono di Spade… e vedo che mio fratello e molti amici sono grandi fan di questa serie! Mi sa che inizierò a seguirla durante l’inverno. E’ stata una stagione fantastica, ma non perfetta. Ci sono sempre aree in cui è possibile migliorare, alla fine ho vinto nove Gran Premi, e tre ne ha vinti Valtteri, ma ci sono state 20 gare, e per parlare di una stagione perfetta bisogna in teoria vincerle tutte. Credo, però, che essere coscienti che si può comunque migliorare sia un aspetto positivo, uno stimolo a far meglio. Abbiamo disputato una stagione molto intensa, iniziata tra alti e bassi nella prima metà e proseguita con un buon girone di ritorno. Uno degli aspetti migliori del 2017 è stato indubbiamente quello dell’affidabilità, direi la migliore che abbiamo mai avuto. Per quanto riguarda le mie prestazioni, posso dire che quest’anno indubbiamente le partenze sono state migliori del 2016, ma in generale credo di essere riuscito a sfruttare al meglio la monoposto gara dopo gara”.

Lewis Hamilton poi svela il momento in cui ha pensato per la prima volta di poter vincere il mondiale, poi conquistato in Messico:

“Quando? Quando sono arrivato… a Melbourne. Questa è la mia mentalità, in ogni stagione, e sarà così anche il prossimo anno. Quando mi alleno e mi preparo per una nuova stagione di gare, penso sempre che sarò li a giocarmi il titolo, poi può accadere che diventi impossibile puntare al massimo traguardo, ma bisogna sempre iniziare con il massimo target possibile. Se inizi a lavorare in vista di una nuova stagione con la prospettiva di finire quinto, beh, non credo che possa funzionare, devi ‘attrezzarti’ per vincere. Nel 2018 la McLaren avrà motori Renault, quindi potremmo vedere quattro squadre in lotta per il campionato, penso che la Red Bull sarà più veloce e sicuramente la Ferrari si confermerà molto competitiva. Non possiamo permetterci di rimanere fermi”.



FotoGallery