Ciclismo – Davide Cassani analizza il caso Froome: “ecco cosa potrebbe succedere”

davide cassani Daniele Leone/LaPresse

Davide Cassani analizza il caso doping di Chris Froome. Il ciclista è risultato positivo durante l’ultima edizione della Vuelta di Spagna

davide cassani

LaPresse

L’attuale CT della Nazionale italiana di ciclismo, Davide Cassani, ha provato a fare chiarezza sulla positività di Chris Froome alla Vuelta di Spagna. Il ciclista del Team Sky ha assunto il Salbutamolo, un composto che serve per ridurre il broncospasmo e alcune condizioni patologiche come l’asma. Chris Froome da anni soffre di questa malattia e per alleviare il suo malessere ha sempre utilizzato il Salbutamolo. Per ora l’UCI non ha sospeso il corridore perché dispone di una TUE per poter assumere questo farmaco. Se la positività di Froome fosse confermata, il Vincenzo Nibali vincerebbe la Vuelta di Spagna con Ilunr Zakarin della Katusha Aplecin in seconda posizione e terzo Wilco Kelderman della Sunweb. Davide Cassani ha analizzato la positività di Chris Froome riscontrata alla Vuelta di Spagna:

“secondo me stiamo parlando di tutt’altro, stiamo parlando di una sostanza che qualsiasi sportivo può assumere, non è nemmeno una sostanza a restrizione d’uso, che gli sportivi devono denunciare l’assunzione. È consentita fino a determinate dosi, Froome è stato trovato con alte percentuali in una tappa su 21 della Vuelta di Spagna, stiamo parlando di un antiasmatico e non fa andare più forte, è un qualcosa che dovrà spiegare, bisogna capire se le condizioni hanno influenzato le alte concentrazioni ma non stiamo parlando di una sostanza dopante, ma di una che si può assumere. Un percorso misterioso? Ha vinto quattro Tour de France, ha avuto delle malattie e risolte quelle ha trovato la condizione che gli ha permesso di vincere tanto. Parliamo di un prodotto di Salbutamolo che non fa andare più forte e che può assumere chi ha problemi di asma. Deve saper dire perché quel giorno fosse così alta, la cosa che potrebbe far pensare male è se la concentrazione fosse stata alta per tutta la Vuelta, ma i giorni prima e dopo le concentrazioni erano basse. Per di più, con tanti “puff” i medici mi dicono che la frequenza cardiaca si alza, quindi potrebbe essere controproducente. Rischia di perdere la Vuelta. Ci sono dei parametri, come sono stati squalificati Petacchi e Ulissi per lo stesso motivo potrebbe essere squalificato Froome. Non penso sia stato un caso di doping clamoroso come sono stati altri casi, perché il prodotto per quanto mi dicono i medici non fa andare più forte. Se gli togliessero la Vuelta vincerebbe Vincenzo Nibali, sarei contento per lui, ma non penso che anche a Nibali la vittoria della Vuelta dopo una squalifica sia contento come ad averla vinta in strada. Tornano le associazioni ciclismo e doping? Anche questo caso lo dice chiaramente: tutto quello che c’è viene fuori, anche in questo caso in cui, ripeto, si parla di un prodotto che non fa andare più forte e che non va neanche denunciato”.



FotoGallery