Crotone, la ricetta di Zenga: “Testa, intensità e dettagli. Sembra di essere qui da sei anni”

zenga LaPresse/PA

Il nuovo allenatore del Crotone Walter Zenga presenta in conferenza stampa la sfida con il Chievo: “Sembra di essere qui da sei anni”

LaPresse/Francesco Mazzitello

La prima settimana di Walter Zenga a Crotone è stata intensa, talmente intensa “che mi sembra di essere qui da sei anni” ha detto nella conferenza stampa pre-partita. Una conferenza molto lunga, perche’ di fatto è la sua prima dopo aver conosciuto staff e calciatori. “Ho trovato una bella atmosfera – ha detto – un grande senso di appartenenza, una grande vicinanza alla squadra. Abbiamo fatto allenamenti specifici su cose che secondo noi vanno migliorate. Abbiamo lavorato molto sull’intensità di attenzione, dalla quale poi credo derivi anche l’intensità della corsa. E poi c’e’ sempre da stare attenti ai dettagli. Ogni allenamento e’ per migliorarsi”. Nelle ultime partite il Crotone ha dimostrato di soffrire molto nel primo quarto d’ora della ripresa. “Per questo si lavora sulla testa, sulla concentrazione, sull’intensita’ della concentrazione in allenamento, stressando la squadra a stare sempre sul pezzo, a proporre sempre situazioni diverse, per non andare in campo con troppi automatismi”.

Perche’ se poi la partita cambia bisogna sapersi adattare. “Il Chievo – ha aggiunto – è una squadra esperta, con un allenatore navigato; ha una filosofia ben definita, sa sempre cosa fare e come mettersi in campo. E’ una squadra fisica e aggressiva, un avversario difficile da affrontare, che credo proverà a prenderci alti e cercherà di metterci in difficoltà. Per quel che riguarda il suo Crotone, Zenga spiega di volere “una squadra che gioca, che propone, e che fino al 90′ deve restare in partita. Una squadra capace di trascinare il proprio pubblico. Perche’ se noi li trasciniamo, poi saranno loro a trascinare noi nei momenti difficili”. Sulle condizioni della squadra spiega che “sicuramente Nalini e Izco non ci saranno. Simic ha un problema con una tendinite. Tonev e’ stato due giorni fermo, e dunque e’ da valutare. Ma siamo ancora a venerdi’. Per quanto riguarda la formazione, credo sia importante dare continuità, ma anche in questo caso mancano due giorni, e ci sono alcune valutazioni da fare”. Probabile formazione (4-3-3) Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella; Rohden, Mandragora, Barberis; Tonev, Budimir, Stoian. (ITALPRESS).

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery