Volley – Superlega, quinta vittoria per la Lube ma il gioco del Gi Group Team entusiasma la Candy Arena [FOTO]

  • Sara Tassinari

    Sara Tassinari

  • Sara Tassinari

    Sara Tassinari

  • Sara Tassinari

    Sara Tassinari

  • Sara Tassinari

    Sara Tassinari

  • Sara Tassinari

    Sara Tassinari

  • Sara Tassinari

    Sara Tassinari

/

La parola al capitano del Gi Group, Jacopo Botto, e al centrale brianzolo, Rocco Barone che commentano per Sport Fair il match casalingo contro i Campioni d’Italia

Era una partita insidiosissima quella che il Gi Group Team ha affrontato ieri alla Candy Arena. Dopo la sconfitta contro Padova e con Buti temporaneamente non disponibile per un lieve problema alla schiena, i brianzoli si sono trovati dall’altra parte della rete i Campioni d’Italia della Lube, una delle teste di serie della Superlega, che vanta attaccanti micidiali come Juantorena e Kovar, una regia magistrale orchestrata da Christenson e una seconda linea a tenuta stagna e presidiata da Grebrennikov. Una sfida nel senso vero e proprio della parola che la formazione di casa ha affrontato con grande lucidità, sfoderando il miglior livello di gioco esibito dall’inizio del campionato. Complice un comprensibile calo di energie e di concentrazione per il turno infrasettimanale disputato giovedì scorso contro Piacenza, la squadra marchigiana è stata seriamente impegnata a contenere gli attacchi di Dzavoronok, Beretta e Finger già nel primo parziale, riuscendo poi a chiudere la prima frazione di gioco sul 20-25 grazie ai missili di Juantorena. Nel secondo set, conclusosi 22-25, l’intensità degli scambi è aumentata: efficienti a muro Botto e Kovar, buoni i contrattacchi di Hirsch e Sokolov. Bellissime alcune delle azioni di gioco del terzo parziale, conquistato dai padroni di casa (20-25), come le diagonali strette di Dzavoronok, gli angoli trovati da Cester e i tanti muri lombardi (Beretta su Juantorena, Shoji sempre sull’italo cubano e subito dopo su Sokolov). Nella quarta frazione di gioco hanno brillato, nella metà campo monzese, i servizi di Dzavoronok, gli attacchi di Botto e i recuperi dell’ottimo Rizzo, mentre in quella marchigiana, il muro di Sokolov e gli incroci di Juantorena, che hanno tolto al Gi Group la soddisfazione di quello che sarebbe stato un meritato tie-break.

Jacopo Botto, schiacciatore e capitano del Gi Group Team, per Sport Fair: “Sono soddisfatto delle belle azioni di gioco che abbiamo fatto vedere stasera anche perché ci rendono consapevoli del fatto che possiamo vedercela con tutte le squadre; oltretutto abbiamo anche dovuto fare qualche cambiamento e questo ha fatto si che ,in alcune occasioni, avremmo potuto essere ancora più incisivi. Il tie-break ci stava ma comunque, a prescindere dal risultato, penso che dobbiamo essere contenti; da martedì prossimo torneremo in palestra per preparare il match di domenica con Verona perché può essere un’altra bella possibilità di guadagnare punti importanti”.

Rocco Barone, centrale del Gi Group Team, per Sport Fair: “sicuramente ci meritavamo un punto, per tutto il lavoro che stiamo facendo, per l’impegno che ci abbiamo messo sia in allenamento che in partita e anche per il livello di gioco che siamo riusciti ad avere stasera. Quello che è importante adesso, secondo me, è continuare a mantenere un ritmo di lavoro molto intenso. Stasera siamo stati bravi in attacco ma è fondamentale anche alzare il livello di ricezione perché inevitabilmente, se la ricezione non è ottimale, l’attacco ne risente e l’avversario ne approfitta, in particolare un avversario come la Lube che ha schiacciatori di livello altissimo. Adesso ci sarà un altro grande impegno a Verona perché la Calzedonia è una squadra ostica e con la quale dovremo ancora mettere in campo tutto il nostro impegno”.

<

p style=”text-align: justify;”>IL TABELLINO:
Gi Group Team Monza – Cucine Lube Civitanova 1-3 (20-25, 22-25, 25-20, 23-25) 
Gi Group Team Monza: Beretta 11, Finger 10, Dzavoronok 15, Barone 3, Shoji 2, Botto 15; Rizzo (L). Brunetti, Walsh, Langlois, Terpin, Hirsch 5. N.E. Buti. All. Falasca.
Cucine Lube Civitanova: Kovar 11, Cester 13, Christenson 3, Juantorena 21, Stankovic 4, Sokolov 19; Grebennikov (L). Zhukouski. N.E. Candellaro, Sander, Marchisio, Casadei, Milan. All. Medei.
NOTE
4° set: 23-21 per Civitanova, cartellino rosso a Juantorena per proteste.
Arbitri: Zavater Marco, Cesare Stefano
Durata set: 25’, 28’, 29’, 31’. Totale 1h53’
Gi Group Team Monza: battute vincenti 3, sbagliate 18, muri 15, errori 24, attacco 45%
Cucine Lube Civitanova: battute vincenti 3, sbagliate 16, muri 17, errori 27, attacco 49%

Impianto: Candy Arena di Monza
Spettatori: 3427

This slideshow requires JavaScript.

FotoGallery