Roma è giallorossa, Perotti-Nainggolan: Lazio ko, 2-1 all’Olimpico

Esultanza Roma LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

Alla Roma il derby dell’Olimpico: decidono le reti di Perotti e Nainggolan, alla Lazio non basta Immobile

Roma Lazio

LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

Un derby spettacolare, che riconcilia con il calcio dopo il flop della Nazionale di Ventura. La Roma, con merito e qualche brivido nel finale, si aggiudica con merito la stracittadina con la Lazio, un 2-1 che ribadisce come i giallorossi siano destinati all’alta classifica. I gol, tutti nel secondo tempo, portano la firma di Perotti (rigore), Nainggolan e Immobile (ancora su penalty): Roma che dunque aggancia momentaneamente l’Inter al terzo posto a 30 punti, Lazio che resta a 28 (entrambe le capitoline devono recuperare un match, rispettivamente con Sampdoria e Udinese). Senza gli indisponibili Karsdorp e Schick, Di Francesco recupera in extremis Nainggolan, in campo nonostante non sia al top. In campo anche un ex come Kolarov e tre reduci dalla delusione ‘mondiale’, Florenzi, De Rossi ed El Shaarawy. Privo di Wallace, Anderson, Di Gennaro e Caicedo, anche Inzaghi si affida a due reduci dal play-off con la Svezia, ovverosia Parolo e Immobile, quest’ultimo al suo posto nonostante i dubbi della vigilia. Applausi bipartisan alla memoria di Sandri, coreografie da brividi e un Olimpico che offre finalmente un bel colpo d’occhio. I ritmi sono subito sostenuti, partono meglio i biancocelesti e Immobile al 2′ va gia’ in gol, annullato con ritardi per un evidente off-side. Al 14′ Lucas serve in profondita’ Parolo, che non aggancia come dovrebbe, poi iniziano a farsi vedere i giallorossi con Dzeko: il bosniaco stacca debolmente al 17′ e al 20′, di nuca, per poco non sorprende Strakosha.

LaPresse/Fabrizio Corradetti

Nervosismo ed errori non tolgono spettacolo alla gara, anche Strootman si ritrova un pallone interessante sotto porta che pero’ impatta male, prima Immobile aveva incornato alto da ottima posizione, ma e’ ancora Dzeko a far sussultare la Sud: il bomber, da angolo, si stacca dalla marcatura e colpisce al volo, chiamando l’estremo laziale all’intervento. Meglio la Roma per tre quarti di tempo, dunque, cosi’ come in avvio di ripresa, tanto da trovare il gol del vantaggio. Kolarov si insinua in area e Bastos lo tocca da dietro, Rocchi e’ li’ e non ha dubbi: rigore. Perotti va alla battuta e, con classe e precisione, al 4′ porta i suoi sull’1-0. All’8, i giallorossi mettono a segno l’uno-due: Bastos, ancora lui, perde palla sulla pressione di Perotti, che serve Nainngolan, bravissimo a fulminare Strakosha con un diagonale chirurgico. Lukaku e Nani sono i primi cambi di Inzaghi ed è proprio quest’ultimo l’artefice della rete biancoceleste: sul suo cross al centro, Manolas tocca nettamente con il braccio. Rocchi prima indica la bandierina, poi dopo il Var opta per il penalty. Realizza Immobile e, al 27′, la sfida e’ ufficialmente riaperta. La Lazio prova a spingere ma la Roma soffre il giusto, Di Francesco inserisce nel finale Jesus per Nainggolan, dando ancora piu’ sostanza alla difesa. Al 40′ Parolo e’ minaccioso in diagonale, nel recupero sale la tensione, con i biancocelesti che spingono e con i giallorossi che resistono nel loro fortino per portare a casa tre punti d’oro e tanta autostima in vista della gara di Champions League con l’Atletico che vale la qualificazione agli ottavi. (ITALPRESS).

FotoGallery