Pista Lunga, Coppa del Mondo – 10.000 da sogno a Stavanger, Ghiotto firma il record italiano

Joosep Martinson - ISU

In Norvegia, nell’ultima giornata della seconda tappa di Coppa del Mondo, l’Italia coglie quattro primati personali e piazzamenti importanti nella distanza più lunga con la gemma del 12’53″63 del 23enne vicentino

Chiude in modo strepitoso l’Italia la seconda delle quattro tappe stagionali di Coppa del Mondo valide per la qualificazione ai prossimi Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang 2018. Sul ghiaccio norvegese di Stavangerarrivano infatti risultati eccezionali dalla gara più attesa del week-end: nei 10.000 piovono per gli azzurri quattro primati personali ma soprattutto il nuovo record italiano firmato da Davide Ghiotto (Cosmo Noale Ice) con il tempo di 12’53″63. Il 23enne di Altavilla Vicentina ha infatti dominato la prova di Division B imponendosi davanti a tutti e migliorando di quasi 8″ il suo precedente primato tricolore di 13’01″38 firmato a Gangneung, in Corea del Sud, ai Mondiali su Singole Distanze dello scorso febbraio quando chiuse al 5° posto. Un crono che è anche il terzo assoluto di giornata tenuto conto anche della gara di Division A. Dietro di Ghiotto oggi  Andrea Giovannini(Fiamme Gialle Predazzo), che migliora il proprio personale scendendo a 13’05″62, e Riccardo Bugari (C.P. Piné-Pulinet), 13° e anch’esso capace di abbassare il proprio best di oltre un minuto, fino a 13’23″94. E l’exploit si completa poi con la performance di Nicola Tumolero (Fiamme Oro Moena), unico azzurro in gara in Division A: per lui 5° posto e primato personale ritoccato a 13’02″11. Un autentico show tricolore figlio del grandissimo lavoro di preparazione orchestrato in questi mesi dal c.t. Maurizio Marchetto e di cui già si erano avuti segnali importanti in occasione delle gare di ottobre nel raduno di Inzell, in Germania. In giornata anche la prova di Francesca Lollobrigida (Aeronautica Militare), bravissima nel chiudere al 7° posto i 5000 di Division B con il tempo di 7’11″94.

Archiviata la tre giorni di Stavanger, l’Italia potrà ora rifiatare e ricaricare le batterie in vista del doppio impegno in Canada e Stati Uniti, quando, rispettivamente fra due e tre settimane, a Calgary e Salt Lake City andranno in scena le due ultime tappe di Coppa del Mondo valide per la qualificazione olimpica. Una volta terminate si comporrà dunque il quadro complessivo dei qualificati a Pyeongchang 2018, con un totale di 100 uomini e 80 donne, fino a 10 uomini e 10 donne per nazione in caso di pass su tutte le distanze (Team Pursuit e Mass Start comprese). Le card verranno distruibuite proprio per nazione tenuto conto di due ranking olimpici, uno basato sui punti stabiliti in base ai piazzamenti e l’altro sui tempi cronometrici, con ogni paese che potrà comunque schierare non più di tre atleti per ciascuna distanza ad eccezione dei 5000 femminili, dei 10.000 maschili e della Mass Start, dove se ne conteranno al massimo due, e con una sola squadra qualificabile per il Team Pursuit.

FotoGallery