Pallavolo-Serie A2 femminile: Club Italia Crai ancora ko, Mondovì si impone con il punteggio di 3-0

FILIPPO RUBIN

Terza sconfitta consecutiva per il Club Italia CRAI nell’ottava giornata della Samsung Galaxy Volley Cup di Serie A2

Secca sconfitta per il Club Italia CRAI nell’ottava giornata della Samsung Galaxy Volley Cup di Serie A2: la squadra della Federazione Italiana Pallavolo si arrende in tre set sul campo della LPM Pallavolo Mondovì, subendo così il terzo ko consecutivo in campionato. Per lunghi tratti alla pari delle avversarie, le azzurre pagano i filotti subiti in ricezione sia nel primo set (break decisivo sul 16-13) sia nel secondo (16-11) e anche nel terzo, dopo aver recuperato dal 13-13, devono arrendersi alle battitrici avversarie.
In una serata tutto sommato positiva in attacco, con il 41% di squadra, e a muro (7 punti), sono appunto la difesa e la ricezione a tradire il Club Italia: ben 8 gli ace subiti. Tra le azzurre si distinguono comunque Elena Pietrini, autrice di 14 punti con il 52% in attacco, e Sarah Fahr, che mette a segno 3 muri vincenti; buona anche la reazione caratteriale della squadra di Massimo Bellano, sempre in partita anche quando il risultato appariva ormai compromesso. Di alto livello, d’altro canto, la prestazione della LPM: micidiali in battuta e in attacco la spagnola Jessica Rivero e l’albanese Erblira Bici, bene anche l’ex di turno Aurora Camperi, schierata nell’inedito ruolo di centrale e premiata come MVP a fine gara.
Il Club Italia, fermo a quota 12 punti in classifica, tornerà in campo sabato 18 novembre al Centro Pavesi FIPAV per affrontare il Volley Soverato.

La cronaca:
Sestetti confermati rispetto alle previsioni della vigilia: il Club Italia CRAI manda in campo la medesima formazione delle ultime uscite, con Morello in regia, Nwakalor opposto, Fahr e Lubian al centro, Enweonwu e Pietrini schiacciatrici e De Bortoli libero. La LPM deve ancora fare a meno  di Rebora e schiera al centro l’ex Camperi in diagonale con Viola Tonello.
Il primo break della partita lo mette a segno il Club Italia con un muro vincente di Fahr (3-5), ma Mondovì pareggia subito i conti con Bici per il 7-7; inizia così un serrato testa a testa (9-10, 12-11) che si sblocca con la battuta di Rivero, autrice dell’ace del 16-13. Le padrone di casa gestiscono il vantaggio e allungano ancora con Rivero per il 20-16; Nwakalor e Pietrini provano ad accorciare, ma il servizio di Tonello dà lo strappo definitivo (23-18) e, malgrado gli ingressi di Cortella, Bulovic, Turco e Morello il set si conclude sul 25-20 con un attacco vincente di Rivero.
Anche il secondo set si apre all’insegna dell’equilibrio (6-7), ma sul servizio di Biganzoli arriva un break per la LPM firmato da Viola Tonello, che costringe Bellano al time out sull’11-8. Al rientro in campo Rivero sigla il più 4 e il coach azzurro manda in campo Omoruyi per Nwakalor. Camperi però mette a segno il 14-10 e la schiacciatrice spagnola, inarrestabile sia in attacco sia in battuta, fa volare le monregalesi sul 16-11. Biganzoli si esalta per il 19-12 ma il Club Italia, con Turco in regia, prova a recuperare qualche punto: Fahr sigla il 20-16. La LPM controlla comunque la reazione azzurra (22-17) e un altro ace di Rivero sancisce il 25-19.
Omoruyi confermata tra le titolari anche per il terzo set, in cui però è ancora la LPM a partire forte: protagonista Bici, che colpisce due volte in attacco e mette in difficoltà Enweonwu con la battuta per il 5-1. Bellano ferma subito il gioco, ma Biganzoli mette a segno un altro ace per il 7-2 e Demichelis mura il 9-3. La reazione del Club Italia è affidata a Pietrini, che accorcia le distanze sul 10-7 e poi va in battuta propiziando l’11-10. La partita si accende ed Enweonwu completa la rimonta azzurra per il 13-13; Mondovì però piazza subito un altro allungo sulla battuta di Bici, che prima infila l’ace del 16-13 e poi, nonostante il time out chiamato da Bellano, indovina anche l’angolo del 18-13. Il Club Italia non molla e risale fino al 18-16 con il muro di Omoruyi, ma non può nulla di fronte a Rivero (22-18); un fallo fischiato a Morello regala il set point e Camperi chiude la partita sul 25-19.

Il commento:
Massimo Bellano (all. Club Italia CRAI): “Purtroppo stasera abbiamo avuto troppo poca qualità nel primo tocco, sia in ricezione, sia in difesa. Troppo alto il numero di ace subiti per potersela giocare in una partita che per il resto è stata molto equilibrata. Abbiamo lavorato meglio a muro, però in difesa c’è stata un po’ un’involuzione rispetto alle ultime settimane e tutto questo, insieme alla bravura dell’avversario, ha portato al risultato negativo. Non c’è dubbio però sul fatto che mentalmente ci fossimo e che ci siamo giocati la partita fino in fondo: in tutti e tre i set siamo rientrati da situazioni negative, ma ogni volta che tornavamo sotto nel punteggio venivamo ricacciati indietro dalle loro battitrici in salto, e questo ci ha molto penalizzato”.

LPM Bam Mondovì-Club Italia CRAI 3-0 (25-20, 25-19, 25-19)
LPM Bam Mondovì:  Bici 14, Rivero 14, Mazzotti ne, Tonello V. 7, Demichelis 2, Sciolla ne, Biganzoli 11, Costamagna, Rolando (L) ne, Rebora ne, Agostino (L), Camperi 5. All. Delmati.
Club Italia CRAI: Enweonwu 10, Fucka ne, Malual ne, Morello, Lubian 3, Cortella, Pietrini 14, Omoruyi 5, De Bortoli (L), Tonello E. (L) ne, Turco 1, Fahr 5, Nwakalor 5, Bulovic. All. Bellano.
Arbitri: Santoro e Cecconato.
Note: Spettatori 450 circa. Mondovì: battute vincenti 8, battute sbagliate 9, attacco 42%, ricezione 53%-20%, muri 3, errori 15. Club Italia: battute vincenti 1, battute sbagliate 8, attacco 41%, ricezione 52%-28%, muri 7, errori 22.

FotoGallery