MotoGp, test Valencia – Dovizioso molla a metà sessione, troppo stanco per continuare: “siamo sotto stress, è normale ci siano dei cali”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Andrea Dovizioso si congeda prima della fine dei test di Valencia, il pilota italiano accusa una stanchezza particolare: ecco le sue parole

Sul tracciato di Valencia, su cui domenica Marc Marquez si è laureato per la sesta volta pilota campione del mondo della classe regina, si sta disputando la seconda giornata di test in vista della stagione 2018. Dopo il miglior tempo di Maverick Vinales segnato dal pilota spagnolo sorprendentemente nella prima giornata di test, oggi si ricomincia tutto da capo per i piloti di MotoGp. Una caduta di Franco Morbidelli segna la mattinata dell’italiano campione del mondo della Moto2 a cui segue anche quella di Andrea Iannone. Andrea Dovizioso, al contrario dopo aver provato ciò che era necessario testare ha abbandonato la pista spagnola prima della fine dei test. Il vice campione del mondo 2017 infatti ha accusato una stanchezza che ha raccontato così ai microfoni di Sky Sport MotoGp.

abbiamo provato quello che c’era nel programma dei due giorni – ha confermato Dovizioso – avremo altro da provare nei test della settima prossima a Jerez. Non avevamo completamente la moto nuova, stiamo facendo prove per definire la moto 2018. Non c’era motivo di fare tanti giri e provare. Soprattutto perchè la stagione è stata impegnativa dopo l’ultimo weekend e dopo gli altri due giorni della prossima settimana dobbiamo ricaricare le batterie. Ci sono dettagli per definire la moto 2018, ieri eravamo veloci ed il mio feeling era buono, dopo aver fatto la gara c’erano dei punti in cui sapevo di poter andare più veloce, ma ancora si possono migliorare i nostri limiti. Siamo focalizzati su questo, abbiamo provato solo uno gomma l’altra era molto dura ed oggi non faceva caldo, ma quella provata era molto simile.

Sulla differenza di tempi tra Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo che è riuscito a fare molto meglio del compagno di box, l’italiano ha detto:

I test ognuno li approccia in maniera diversa ci sono giorni che vuoi fare il tempo ed altri che li vuoi dedicare alla comparazione, poi comunque il numero  di gomme è limitato ed a volte conviene utilizzare le gomme nuove per fare una comparazione dei materiali che provi, altre per avere un feedback preciso su quello piuttosto sto che fare il tempo. È più importante secondo me. Bisogna distinguere i piloti che cercano di fare il tempo e gli altri che lavorano per fare la messa a punto ed il tempo alcune volte gli riesce altre no.

Poi su quello che si potrebbe rivelare un degno rivale della prossima stagione Dovizioso ammette:

secondo me Zarco in questo momento come nell’ultima parte della stagione è diventato un realtà, perchè si è giocato il podio e perchè guida bene. È bravo. Al momento da fuori sembra che c’è un po’ di confusione in Yamaha, ma lui pare quello che è riuscito a fare meglio e che l’anno prossimo potrà fare bene perchè ha esperienza. Bisogna dare priorità a quello che si deve provare ma una volta che abbiamo provato tutto la batteria ‘lampeggia’ e siamo sottoposti a stress e ciò porta ad avere dei cali.

FotoGallery