MotoGp – Lorenzo massacrato sul web, ma Jorge merita tutto il rispetto dei tifosi ducatisti

LaPresse/EFE

Altro che colpevole! Jorge Lorenzo merita solo tanto rispetto per il comportamento in gara a Valencia

LaPresse/EFE

Marc Marquez è il campione del mondo 2017 di MotoGp. Oggi a Valencia lo spagnolo della Honda ha chiuso la gara al terzo posto, alle spalle del compagno di squadra Pedrosa e del francese della Tech3 Zarco. Non sono mancate le polemiche oggi al Ricardo Tormo, per il comportamento di Jorge Lorenzo, nei confronti del suo compagno di squadra Andrea Dovizioso. Sul web infatti è spuntata una pioggia di critiche per il maiorchino della Ducati che, secondo alcuni, non ha fatto passare avanti il compagno forlivese, dopo la comunicazione sul dashboard del suo team. La famosa Mappatura 8 è tornata minacciosa per Lorenzo che però, questa volta, non può essere incolpato di nulla. Se in molti hanno guardato il comportamento del ducatista dal lato ‘negativo’, in tanti altri invece hanno apprezzato il lavoro svolto da Lorenzo: nella prima parte della gara infatti il maiorchino non ha assolutamente ostacolato il suo compagno di squadra, ma lo ha come ‘trainato’, anche se a volte è sembrato che Dovizioso ne avesse di più, approfittando della sua particolare confidenza col circuito spagnolo per aiutare il pilota italiano. Al momento della comunicazione del team, Lorenzo ha effettivamente cambiato il suo modo di guidare, diventando più veloce e in qualche modo allontanandosi da Dovizioso. Una prova, quella del maiorchino, per capire se il suo compagno riuscisse a tenere il suo stesso passo e quindi a lottare con i migliori in testa e, Dovizioso, effettivamente non è sembrato avere il passo giusto per poter lottare per la vittoria e raggiungere Marquez per duellare con lui.

LaPresse/Alessandro La Rocca

Ancora una volta quindi Lorenzo, così come accaduto a Sepang, ha svolto un eccezionale lavoro di squadra e si merita quindi tutto il rispetto dei tifosi ducatisti. Se ci fosse stata una reale possibilità che Dovizioso potesse vincere la gara di Valencia, sicuramente Lorenzo non si sarebbe tirato indietro e avrebbe fatto di tutto per permettere che ciò accadesse. “Con i se e con i ma la storia non si fa” recita un detto: è quindi inutile puntare il dito contro Lorenzo. Bisognerebbe invece complimentarsi con lui per aver rinunciato in Malesia alla sua prima vittoria con la Ducati per permettere a Dovizioso di lottare per il titolo oggi a Valencia e per aver guidato il suo compagno di squadra per circa metà gara su un circuito per lui complicato. Altro che biscotto e alleanza con Marquez: questa volta Lorenzo si è mostrato un valido compagno, un uomo di squadra leale e ha dimostrato che il suo cuore batte forte per la Ducati. Chapeau!

FotoGallery