Catastrofe Italia, azzurri senza Mondiale: così Ventura e Tavecchio hanno umiliato un popolo intero

LaPresse/Fabio Ferrari

Italia senza Mondiale eliminata nel playoff dalla Svezia: una catastrofe azzurra senza eguali, una disfatta che porta la firma indelebile di Ventura e Tavecchio

Ventura – ph Lapresse

Abbiamo messo il cuore, l’anima e tutto quello che avevamo in corpo. Ma non è bastato. L’agonismo e la voglia, d’altronde, non fanno la differenza quando non si è squadra: i disastri di Gian Piero Ventura purtroppo hanno prevalso su tutto il resto. L’Italia non va al Mondiale come era successo solo un’altra volta (Svezia 1958) nella nostra gloriosa storia, la stessa che oggi si ritrova ad essere infangata da un commissario tecnico da tempo in evidente confusione tattica, senza controllo dello spogliatoio (clicca qui per il clamoroso retroscena) e incapace di dare un’anima a una squadra che non è stata capace di avere la meglio su una modestissima Svezia. Nonostante un San Siro meraviglioso, nonostante un Bonucci monumentale, nonostante un Barzagli da applausi e un Jorginho inspiegabilmente accantonato prima d’oggi. E’ finita 0-0, alla Svezia è bastato l’autogol dell’andata per volare in Russia.

Il verdetto è amaro, amarissimo: l’Italia senza Mondiale è una catastrofe per tutto il movimento calcistico nazionale. Ventura ci ha messo del suo fino all’ultimo istante, comprese le clamorose e inspiegabili scelte di formazione: iniziando dal modulo, un 3-5-2 mai utilizzato nella sua gestione prima della gara d’andata, finendo per le assurde scelte compiute. Belotti escluso dall’undici titolare, Insigne inspiegabilmente lasciato in panchina per tutta la gara. Una gara che l’Italia avrebbe meritato di vincere senza alcun dubbio, ma che purtroppo è rimasta inchiodata sullo 0-0. Gian Piero Ventura ha distrutto l’Italia, ma il suo ‘lavoro’ è stato sicuramente facilitato da Carlo Tavecchio: il presidente della FIGC che lo ha appoggiato in ogni sua scelta, rinnovandogli il contratto solo qualche settimana fa. Una firma che adesso sa di beffa. Perché oggi l’Italia si ritrova incredibilmente senza Mondiale, con il popolo azzurro umiliato e a testa bassa. Una catastrofe a doppia indelebile firma: Gian Piero Ventura e Carlo Tavecchio. Per una vergogna che l’Italia non meritava.

Leggi anche—> Italia senza Mondiale, il costo (elevatissimo) del disastro: perdite shock per FIGC, FIFA e Governo

Leggi anche —> De Rossi chiamato per il riscaldamento, Daniele è una furia: ecco cosa ha detto il centrocampista azzurro [VIDEO]

FotoGallery