F1, è corsa a due per l’ultimo sedile della Sauber: l’Alfa Romeo fa il gioco di… Giovinazzi

Antonio Giovinazzi Photo4

Il rapporto di collaborazione ufficializzato da Sauber e Alfa Romeo potrebbe permettere ad Antonio Giovinazzi di strappare a Ericsson l’ultimo sedile del team svizzero

LaPresse/Photo4

L’accordo ufficializzato tra Sauber e Alfa Romeo nella giornata di ieri ha fatto sì menzione di una collaborazione a livello tecnologico, ma non ha fatto luce su quelli che saranno i prossimi piloti del team svizzero. Un mistero che lascia ancora qualche speranza ad Antonio Giovinazzi, leggermente in svantaggio rispetto a Charles Leclerc e Marcus Ericsson. Se il monegasco sembra essere in una botte di ferro, complice anche la vittoria nel campionato di F2, lo svedese appare abbastanza in bilico, considerando che non conquista un punto in Formula 1 da ben 48 gare, cioè Monza 2015, quando si classificò nono. Nonostante il presidente della Sauber abbia ammesso al suo entourage come le corone svedesi garantite dalla permanenza di Ericsson servono eccome alle casse del team, non sarebbe una sorpresa eclatante se Giovinazzi dovesse spuntarla sul filo di lana.

Tutto dipenderà dall’Alfa Romeo e dal contributo economico che il marchio italiano verserà alla scuderia svizzera, la quale beneficerà di power unit allineate nell’aggiornamento a quelle della Ferrari. Insomma, una situazione che potrebbe favorire Giovinazzi, il quale pare sempre più lontano dal ruolo di terzo pilota in Haas, visto che sembra raffreddarsi il rapporto tra il Cavallino e il team americano a causa della volontà del suo fondatore Gene Haas di voler avere ampia scelta sul fronte piloti.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery