Atletica, Stefano Baldini torna a Grosseto: “il 2018 sarà un anno con molti impegni internazionali”

Stefano Baldini LaPresse/Fabio Ferrari

Stefano Baldini ha analizzato a Grosseto la prossima stagione dell’atletica azzurra, sottolineando come il movimento si stia preparando ad un anno ricco di impegni

Il Direttore Tecnico del settore giovanile e allo Sviluppo Stefano Baldini è voluto tornare in cima alla tribuna dello Stadio Zecchini. Durante gli Europei under 20 di Grosseto è stata quella balconata con la ringhiera bianca la postazione da cui non si è perso un attimo delle imprese di tutti gli azzurrini in gara. Da qui ha urlato, tifato ed esultato e da qui oggi guarda all’imminente futuro della nuova generazione atletica.

“Quelli degli Europei under 20 – racconta l’olimpionico di maratona che nel suo lavoro può contare sull’apporto dell’assistente Tonino Andreozzi e di campioni di sempre dell’atletica azzurra come Gabriella Dorio, Fabrizio Mori e Nicola Vizzoni – sono stati giorni felici e pieni energia. Questa tribuna è stata sempre tutta esaurita, la cornice perfetta per un impianto rimesso a nuovo e che, al di là dei grandi eventi, è un’importante risorsa anche per l’attività tecnica federale. Qui a Grosseto in questi giorni abbiamo visto al lavoro anche ostacolisti, saltatori e astisti under 25 del Progetto Sviluppo, mentre a Tirrenia si sta allenando il gruppo della marcia”. Archiviato il felice capitolo Grosseto 2017, lo sguardo è già proiettato verso l’anno che verrà: “Il 2018 sarà una stagione con tanti eventi per i giovani dell’atletica italiana. Oltre alle grandi rassegne internazionali di calendario: si parte subito tra un mese con gli Europei di cross in Slovacchia, poi fari puntati sulla stagione indoor che culminerà con il Triangolare all’inizio di marzo a Nantes in Francia. In attesa dei Mondiali U20 di Tampere e degli Europei U18 a Gyor, preceduti dai Campionati del Mediterraneo U23 a Jesolo, abbiamo pianificato anche altri match di categoria. Per la corsa su strada, oltre all’appuntamento autunnale di Rennes, si aggiunge quello di Oderzo a maggio. Spazio alle prove multiple ad Aubagne con un incontro under 20 e under 23 che, a fine luglio, ci vedrà impegnati contro la Francia. Organizzazione e programmazione sono le parole d’ordine e questo sarò il messaggio che intendo far passare nell’incontro che domenica prossima avrò a Bologna con i fiduciari tecnici regionali. E’ fondamentale coordinarsi con le strutture del territorio per evitare sovrapposizioni e cercare di seguire da vicino e coinvolgere quella fascia di giovani, magari con un bel potenziale, ma che non sono ancora al 100% parte del mondo dell’atletica”.

FotoGallery