Ciclismo, Alberto Bettiol punge la Cannondale: “alla BMC ci sono obiettivi più specifici”

Alberto Bettiol

Alberto Bettiol, neo corridore della BMC, punge la sua ex squadra e loda gli obiettivi della sua nuova squadra

Alberto BettiolStagione positiva per Alberto Bettiol, neo corridore della BMC. Il ciclista italiano ha corso ottimamente in alcune classiche come all’E3 Harelbeke, alla Classica San Sebastian, alla Milano-Sanremo, mentre sia al Giro d’Italia che al Tour de France ha chiuso tra i primi cento. Alberto Bettiol è stato, insieme a Rigoberto Uran, uno dei corridori migliori della Cannondale Drapac in questa stagione, e adesso alla BMC il ciclista italiano avrà il compito di dare continuità al grande progetto della squadra americana. Alberto Bettiol è un corridore completo e adatto a quasi tutte le tipologie di corse che il panorama WolrdTour presenta. La BMC aveva bisogno di un corridore del genere e adesso nel roster si ritrova l’uomo perfetto per conquistare corse o podi nelle principali corse WorldTour.

Alberto Bettiol a Cyclingnews.com ha analizzato la sua stagione e ha svelato alcune diversità tra la Cannondale Drapac e la BMC:

la mia stagione è stata buona, anche se non ho mai vinto. Ho migliorato molto nei grandi giri e nelle classiche, anche se ovviamente voglio ottenere una vittoria. La mia ultima è stata cinque anni fa, ma nel WorldTour è molto difficile vincere. Ho scelto la BMC perchè è una squadra di talento e perché amano le cronometro. È un team perfetto per fare il passo che cerco. Alla Cannondale non si parlava mai delle cronometro, invece qui le amano e gli obiettivi sono più specifici. Vorrei provare a vincere una cronometro”.

FotoGallery