Var sì o Var no? Il designatore Rizzoli allo scoperto: “ecco tutti i pro e i contro in Serie A”

LaPresse/Spada

Dopo 8 giornate di campionato, il designatore Rizzoli esce allo scoperto: “ecco tutti i pro e i contro del Var in Serie A”

LaPresse/EFE

Var sì o Var no? – “Gli arbitri italiani negli ultimi quindici anni hanno dimostrato di essere all’avanguardia sotto tutti gli aspetti e quindi ci piace essere precursori di un progetto molto importante e difficile, che stiamo cercando di svolgere al nostro meglio”. Con queste parole, il designatore degli arbitri di serie A Nicola Rizzoli, a margine di un convegno sulle infrastrutture per lo sport al Politecnico, ha commentato i primi mesi di esperienza del Var nel campionato italiano. “Il punto dolente di questa sperimentazione è che è cominciata senza una grandissima esperienza. Cominciare un progetto online con tempi molto stretti ci ha costretto ad essere molto rapidi nel fare esperienza, ma l’abbiamo fatta. Stiamo cercando di migliorare anche se sapevamo dall’inizio che la tempistica sarebbe stata problematica. Il punto di forza di questa sperimentazione è invece l’aver dimostrato che gli arbitri erano pronti e che il gruppo è molto aperto alle innovazioni”, ha aggiunto l’ex fischietto internazionale.

LaPresse/Spada

Var sì o Var no? – A proposito invece della designazione dell’esordiente Abisso per il derby di Verona, Rizzoli ha commentato: “Cerchiamo di trovare gli arbitri del futuro perché nei prossimi anni smetteranno arbitri importanti come Rocchi, Tagliavento, Orsato, Banti e Damato e quindi il ricambio e’ uno dei progetti del nostro lavoro. Non direi che Abisso è un esordiente perché prima di arrivare in serie A un arbitro ha alle spalle almeno una ventina d’anni d’esperienza e quindi definirlo un esordiente è difficile. Sono convinto che farà molto bene“. (ITALPRESS). trl/mc/red

FotoGallery