Serie B, il Venezia stende l’Empoli e lo agguanta in vetta: che bagarre per i primi posti

LaPresse/Antonio Ros

Sono solo nove i punti che dividono le prime della classe dall’ultimo posto in classifica, la serie B non è mai stata così emozionante

Domina l’equilibrio in serie B dopo la 10a giornata d’andata. Tutte le ventidue contendenti sono racchiuse in appena 9 punti (dai 17 di Empoli e Venezia agli 8 del Cesena), in testa ce ne sono sette in appena due punti, dieci in tre lunghezze. Insomma, manca una squadra o piu’ squadre ammazza-campionato e questo rende il torneo cadetto ancora piu’ avvincente ed appassionante.

In testa, appunto, ci sono Empoli e Venezia che si sono affrontate proprio oggi in un match che ha visto trionfare i lagunari grazie ad una rete in contropiede al 42′ della ripresa di Moreo. Una rete contestata dai toscani, con conseguente espulsione di Vivarini, ma che fa esultare Pippo Inzaghi, al quarto risultato utile di fila con tre vittorie ed un pari. Subito dietro, con Cremonese e Bari che hanno vinto gli anticipi di venerdi’ portandosi a 16 lunghezze, arrivano Pescara, Novara e Frosinone. Gli abruzzesi hanno battuto in rimonta l’Avellino che pure aveva trovato il vantaggio con Bidaoui. Gli abruzzesi di Zeman hanno trovato il pari con Mancuso e nel finale il gol vittoria con Pettinari che condanna gli irpini al terzo ko di fila e permette agli abruzzesi di centrare la seconda vittoria consecutiva (la terza nelle ultime quattro).

Il Novara trova una doppietta di Moscati ed espugna il Barbera, facendo cadere l’unica imbattibilita’ che ancora durava nel campionato, quella del Palermo di Tedino. Terza vittoria consecutiva per i piemontesi, battuta d’arresto per i rosanero che non riescono a vincere dal 25 settembre scorso (poi 3 punti in 4 gare). Pareggio che profuma pero’ di vittoria per il Frosinone sul campo della Salernitana. Schiavi ha portato in vantaggio la squadra di casa alla fine del primo tempo, nella ripresa ciociari in dieci per il rosso a Brighenti, ma determinati a cogliere il pari con Crivello che ha dedicato la rete a Dionisi. Come da tradizione, non va oltre il pari il Carpi sul campo della Pro Vercelli: sei match e altrettanti pareggi, di cui cinque sullo 0-0, nella storia. Il Parma sfata il tabu’ Tardini battendo 3-1 l’Entella. Il successo in casa mancava alla squadra di D’Aversa dalla prima giornata e permette di riprendere la scalata in classifica. Luppi aveva risposto alla rete di Lucarelli, poi nel finale sono arrivate le reti di Calaio’ e Insigne jr. La crisi del Perugia adesso e’ piu’ che conclamata.

A La Spezia arriva la quarta sconfitta consecutiva per la formazione di Giunti, mentre gli spezzini riprendono a respirare dopo due ko di fila. Finisce 4-2 per la formazione di Gallo che segna a raffica pur lasciando Gilardino in panchina. Termina 1-1 il match del Liberati tra la Ternana e l’Ascoli. Partita bloccata nel primo tempo ed esplosa nella ripresa: Favilli porta in vantaggio i bianconeri, Montalto rimette il punteggio in parita’. Pirotecnico 3-3 tra Cesena e Foggia che regalano spettacolo nella ripresa. La squadra di Stroppa si porta sull’1-3, fallisce la quarta rete e nel finale subisce la rimonta della squadra di Castori, che si rivela viva e pronta a lottare pur essendo al momento ultima della classe. Neppure il tempo di rifiatare che torna subito un’altra giornata, un’infrasettimanale, in programma martedi’ con un anticipo lunedi’ che mettera’ di fronte Brescia e Bari. (ITALPRESS)

FotoGallery