MotoGp – Marquez non è ossessionato dalla vittoria: ”dobbiamo gestire i rischi e controllare Dovizioso! Vinales? E’ lontano ma…”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Le sensazioni di Marc Marquez in vista del Gp d’Australia nella conferenza stampa di Phillip Island: lo spagnolo della Honda pronto a fare del suo meglio

Marc Marquez non ha intenzione di lasciare nulla al caso – I campioni della MotoGp tornano protagonisti. Il tempo di abituarsi al nuovo clima, australiano, e si ritrovano immediatamente in pista per le prime sessioni di prove libere, che andranno in scena stanotte. In attesa di salire in sella alle loro moto Marquez e compagni incontrano la stampa nella conferenza del giovedì per raccontare le proprie sensazioni in vista del sedicesimo appuntamento della stagione.

LaPresse/Alessandro La Rocca

Marc Marquez non ha intenzione di lasciare nulla al caso – Pronto ad una nuova battaglia da urlo, il leader della classifica piloti è pronto a fare del suo meglio in Australia: “siamo in un momento molto importante, sicuramente Motegi è stato un weekend fantastico, soprattutto gli ultimi giri, abbiamo perso solo 5 punti. Ora siamo a Phillip Island, un circuito che mi piace di più rispetto a Motegi. Cercherò di essere al top a partire dalle libere 1 e dovremo vedere il tempo che qui è sempre interessante in Australia“, ha dichiarato Marquez in conferenza stampa.

LaPresse/Costanza Benvenuti

Marc Marquez non ha intenzione di lasciare nulla al caso –Qui in Australia alti e bassi effettivamente soprattutto nel 2014, nel 2016 sono caduto e ho lasciato la gara con qualche secondo di vantaggio, questa volta sono arrivato secondo a Motegi e stiamo lottando per il campionato, sarà diverso dall’anno scorso, dobbiamo considerare e gestire bene i rischi e vediamo dopo le qualifiche se possiamo lottare per la vittoria e prendere punti per il campionato. Dovi è il più pericoloso ma guardo un po’ anche Vinales che è lontano si ma non troppo, dobbiamo controllare più Dovi ma la mentalità è sempre la stessa, dobbiamo spingere e se riusciamo a guadagnare anche un solo punto lo faremo“, ha continuato lo spagnolo della Honda.

LaPresse/EFE

Marc Marquez non ha intenzione di lasciare nulla al caso –  “Si impara e si cerca di migliorare ma dipende da come arrivi all’ultimo giro, in Austria ero al limite e sapevo che sarebbe stato difficile, a Motegi mi sono reso conto che era più forte dovi sui punti di frenata e poi ho anche fatto un piccolo errore e ho perso il piccolo vantaggio che avevo. ogni circuito è una storia a sè, ancora una volta un pilota ducati frena molto tardi e accelera molto quindi cercheremo di lavorarci e cambiare la strategia per il futuro. In questo circuito è importante la velocità sulle curve veloci, se sei veloce riesci ad avere un vantaggio su questo circuito, le due curve finali sono le più difficili e importanti del circuito”, ha affermato ancora Marquez prima di rispondere alla domanda social di un fan che gli ha chiesto se gli è mai capitato di svegliarsi nel mezzo della notte e pensare alla moto, team e modi per migliorare la honda: “si, soprattutto in circuiti dove hai avuto problemi te li sogni e ti svegli nel mezzo della notte, solo che se ci pensi troppo puoi rimanere sveglio a lungo, quindi cerco di pensarci meno“, ha concluso.

LaPresse/EFE

Marc Marquez non ha intenzione di lasciare nulla al caso – “E‘ un circuito che mi piace, ma vediamo, Andrea anche se è stato in difficoltà qui adesso lottando per il mondiale ha più motivazione e questo ti fa andare veloce in tutte le piste, sarà un weekend divertente, un po’ di pressione si ma vediamo di finire davanti a Dovi che questo è importante“, ha affermato poi Marquez ai microfoni di Sky Sport.

 

FotoGallery