MotoGp – Iannone tra aspetti positivi e problemi da risolvere: ”c’è qualcosa che ha acceso un campanello d’allarme”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Le sensazioni, contrastanti, di Andrea Iannone dopo le qualifiche del Gp del Giappone

Una qualifica ‘priva’ di top riders: è Johann Zarco il poleman del Gp del Giappone, quindicesimo appuntamento della stagione 2017 di MotoGp. Al suo fianco, in prima fila, partiranno Danilo Petrucci e Marc Marquez, l’unico top rider a riuscire ad ottenere un risultato ‘accettabile’. Alle spalle di Marquez, dalla seconda fila, partiranno i tre spagnoli Aleix Espargaro, Lorenzo e Pedrosa. Debacle Yamaha invece a Motegi: solo 12° infatti Valentino Rossi, mentre Vinales partirà ancora più lontano non essendo riuscito a superare la Q1. Problemi anche per Dovizioso, che domani partirà dalla nona posizione in griglia di partenza.

LaPresse/Alessandro La Rocca

11° posto invece per Iannone, che deve fare ancora i conti con molti problemi ma che si mostra fiducioso e positivo: “abbiamo scoperto qualcosa di molto interessante, non ci aspettavamo che con pochissima acqua facessimo così tanta fatica senza cambiare niente, un aspetto che ci fa pensare tanto e ha acceso un campanello d’allarme. La moto è cambiata molto, in queste condizioni qua la moto ha molto spin, non riesci ad accelerare e frenare, è come se perdi tutto, questo è un aspetto importante, queste cose si verificano nelle gare in cui il warm up è fresco e poi in gara la temperatura aumenta e con la stessa moto abbiamo difficoltà“, ha dichiarato il campione di Vasto ai microfoni di Sky Sport.

LaPresse/Alessandro La Rocca

La Suzuki deve lavorare molto su questi aspetti. Questa mattina siamo andati molto bene, ieri anche, siamo riusciti a migliorare il setting della moto, abbiamo lavorato bene per tutto il weekend, abbiamo le possibilità per fare una bella gara domani, abbiamo alcuni limiti che ci fanno faticare un po’, ma un po’ di meno rispetto al solito“, ha concluso Iannone.

FotoGallery