Liverpool, che affronto da Klopp: “mi cacciano? Ecco perchè non gli conviene”

LaPresse/PA

L’allenatore del Liverpool Klopp avvisa i Reds: “mi cacciano? Non penso che gli convenga. Io gli dico questo…”

LaPresse/PA

Liverpool, senti Klopp “Se mi cacciassero, non penso che troverebbero tanti allenatori in grado di fare un lavoro migliore del sottoscritto. Non penso di essere perfetto ma è abbastanza difficile trovare opzioni migliori. Credo che il 98% dei tifosi del Liverpool pensi ancora che siamo sulla strada giusta, che avremo successo”. Jurgen Klopp difende con orgoglio il suo lavoro ad Anfied. Il manager tedesco ha da poco festeggiato il suo secondo anniversario alla guida dei Reds ma fin qui zero trofei. Domani arriva il Manchester United di Mourinho e il Liverpool non può permettersi passi falsi se non vuole compromettere con largo anticipo le sue chance di lotta per il titolo. E la missione numero uno e’ neutralizzare Lukaku, 11 gol in 10 gare da quando è allo United: “Avere attorno altri giocatori fantastici lo aiuta e lui aiuta molto la squadra. E’ un bomber di razza ed era già un giocatore di classe mondiale all’Everton ma è migliorato da quando è a Manchester”.

Liverpool, senti Klopp Klopp avrebbe voluto più tempo per preparare questa partita: “i nostri tifosi la aspettano da quasi due settimane ma noi abbiamo avuto due giorni per prepararla. E’ una grande partita per cui la prossima volta magari sarebbe bello avere tutti i giocatori a disposizione per più tempo. Loro si trovano in una situazione migliore rispetto a un anno fa, hanno giocatori fantastici ma restiamo positivi“. Nessuna preoccupazione sulle condizioni di Firmino e Coutinho, reduci dagli impegni col Brasile (“hanno avuto entrambi un lungo volo anche se immagino sia stato abbastanza confortevole visto il prezzo…), Klopp deve rinunciare a Mane’: “possiamo giocare anche senza di lui anche se avremmo preferito averlo ma così stanno le cose”. (ITALPRESS)

FotoGallery