Golf-Dunhill Links Championship: Hatton prende il largo, solo Bertasio supera il taglio tra gli azzurri

Nino Bertasio

L’unico italiano a superare il taglio del Dunhill Links Championship è Nino Bertasio, in testa prende il largo Hatton

Nino Bertasio, 30° con 210 (70 69 71, -6) colpi, è l’unico italiano rimasto in gara nell’Alfred Dunhill Links Championship (European Tour), il torneo che anticipa il 74° Open d’Italia (GC Milano, 12-15 ottobre) e che si sta disputando con formula pro am (un pro e un dilettante) sui tre percorsi dell’Old Course di St. Andrews, di Carnoustie e di Kingsbarns, tutti par 72, in Scozia. Non hanno superato il taglio, caduto a 212 (-4), Matteo Manassero, 87° con 215 (74 71 70, -1), Edoardo Molinari (73 73 73) e Luca Cianchetti (70 72 77), 125.i con 219 (+3), e Renato Paratore, 135° con 220 (77 69 74, +4).

E’ rimasto da solo al comando, prendendo il largo con 198 (68 65 65, -18), l’inglese Tyrrell Hatton, campione in carica, che ha lasciato a cinque colpi il francese Gregory Bourdy (203, -13). Al terzo posto con 205 ( -11) l’irlandese Paul Dunne, al quarto con 206 (-10) gli inglesi Luke Donald e Ross Fisher, entrambi autori di un’ottima rimonta, e al sesto con 207 (-9) lo svedese Joakim Lagergren, il tedesco Bernd Ritthammer, il francese Alexandre Levy, il thailandese Kiradech Aphibarnrat e il belga Nicolas Colsaerts. Senza acuti le prove del tedesco Martin Kaymer, 18° con 209 (-7), e del nordirlandese Graeme McDowell, stesso score di Bertasio, mentre l’altro nordirlandese Rory McIlroy è riuscito a evitare l’uscita anticipata con l’ultimo punteggio utile (54° con 212, -4).

Tyrrell Hatton, sul tracciato di Kingsbarns, ha raddoppiato il 65 (-7) ottenuto il giorno precedente a Carnoustie ancora con sette birdie senza bogey. Nino Bertasio ha segnato cinque birdie e quattro bogey per il 71 (-1) a Carnoustie, stesso campo dove Luca Cianchetti ha girato in 77 (+5) con due birdie, quattro bogey e un triplo bogey. All’Old Course di St. Andrews gli altri tre azzurri. Per Matteo Manassero 70 (-2) colpi con un eagle, quattro birdie e altrettanti bogey, per Edoardo Molinari il terzo 73 (+1) di fila con due birdie, un bogey e un doppio bogey e per Renato Paratore 74 (+2) con tre birdie e cinque bogey.

Nella classifica a squadre sempre in vetta Gregory Bourdy/Aidan Heavey con 188 (63 60 65, -28) colpi. Non sono tra le 21 coppie promosse al giro conclusivo Molinari/Tim Webster, 45.i con 198 (-18), Cianchetti/Pierre-Henri Dentressa, 82.i con 201 (-15), Manassero/Ric Kayne, 90.i con 202 (-14), Bertasio/Sergio Balbinot e Paratore/Ian Todd, 112.i con 204 (-12). Il montepremi è di cinque milioni di dollari (circa 4.260.000 euro con prima moneta di 676.133 euro).

FotoGallery