Federauto: secondo Acea frenano le vendite in Europa, ma aumentano in Italia

auto vendite

Il mercato in Europa cala rispetto ad un anno fa, ma l’Italia segna un valore positivo. Ecco tutti i risultati dell’analisi di Acea

Frena l’auto in Europa (Ue+Efta): secondo Acea a settembre il calo è stato del -2% rispetto a settembre 2016, mentre rimane positivo il computo sui primi nove mesi dell’anno (+3,6%), con 12 milioni di pezzi venduti. La performance italiana di settembre (+8,1%) è quindi in controtendenza rispetto al mercato europeo, come pure il risultato dei primi 9 mesi (+9%); più timidi, ma positivi, anche i dati di Spagna (+4,6%) e Francia, a +1,1%. Perdite significative nei primi 2 mercati europei, con il Regno Unito (-9,3%) e la Germania (-3,3%). Per il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi, “la battuta di arresto nel Continente è un segnale da monitorare e soprattutto ci fa riflettere sul dato italiano, che vanta una crescita sui 9 mesi del +150% rispetto alla media del mercato europeo, la cui economia non è certo inferiore alla nostra. La verità è che per sostenere le quote di mercato stiamo registrando un vero e proprio exploit di auto kilometrizero che secondo le elaborazioni di Dataforce sono cresciute del 40% rispetto al 2016. Il ‘valore aggiunto’ del nostro mercato, l’elemento che lo fa apparire come un vero e proprio Bengodi sta proprio qui, altrimenti saremmo allineati ai valori espressi dall’area Ue + Efta. Per essere corretti ha pesato positivamente anche il superammortamento che ha spinto le vendite alle partite iva. Altro elemento da soppesare è il canale privati, ossia delle famiglie, che a settembre ha perso in Italia quasi il -4% e il computo sui 9 mesi e’ a -1,5%. I concessionari italiani – ha concluso Pavan Bernacchiesprimono infine soddisfazione per la scelta del Governo italiano di non aumentare l’Iva nella prossima Finanziaria. Un pericolo scongiurato che avrebbe pesato molto sulle tasche degli italiani e sul comparto dell’automotive”. (ITALPRESS)

FotoGallery