F1 – Tra la penalizzazione e la qualifica peggiore, Verstappen fa il presuntuoso: “avrei dovuto essere avanti con Vettel”

LaPresse/Photo4

Max Verstappen commenta le sue qualifiche sul tracciato di Austin, ecco cosa ha ammesso il pilota olandese

Le qualifiche sul circuito di Austin hanno dato il loro inesorabile responso. Il pole man di giornata (per noi di nottata) è Lewis Hamilton, alla sua 72esima pole position di carriera e all’undicesima di stagione. Dopo il predominio nelle prove libere del Gp d’America di Lewis Hamilton è infatti proprio lui a partire dalla prima posizione per la gara di domani. Segue al pilota inglese il suo acerrimo rivale Sebastian Vettel. Dalla seconda fila vedremo invece partire Valtteri Bottas e Daniel Ricciardo, tampinati da Kimi Raikkonen in quinta posizione in griglia di partenza.

Qualifica critica per Max Verstappen che avrebbe dovuto fare meglio vista la dura penalizzazione per aver dovuto sostituire il motore. La FIA ha infatti penalizzato l’olandese di 15 postazioni. Essendosi lui classificato sesto dovrà partire dalla 18esima postazione viste le penalizzazioni degli altri colleghi di box. Verstappen ha ammesso ai microfoni di Sky F1: “è stato una delle peggiori qualifiche dell’anno, ci sono stati errori dipendenti da me, ho perso tanto tempo. Avrei dovuto essere davanti con Seb ora. La macchina aveva un bel potenziale, è stato un gran peccato. Credo che andremo bene dobbiamo vedere il degrado, come obiettivo devo rimontare almeno fino al sesto posto”.  

 

 

FotoGallery