F1 – A lezione da Vettel, il tedesco fa il punto della situazione: ”ecco cos’è cambiato nel Q3! Domani? Ho la sensazione che…”

LaPresse/Photo4

Dopo il secondo posto in griglia, conquistato in extremis nelle qualifiche del GP di Austin, Sebastian Vettel fa il punto della situazione

Concluse le qualifiche del GP di Austin, la pole position è andata ancora una volta ad Hamilton, autentico mattatore sul circuito texano. Dietro di lui però, non si da per vinto un fantastico Sebastian Vettel che dopo un po’ di difficoltà sia nelle prove libere di ieri (nelle quali ha girato pochissimo) sia nel Q1 e nel Q2 di quest’oggi, ha tirato fuori dal cilindro un ultimo giro eccezionale nel Q3 prendendosi la seconda posizione in griglia ai danni di Bottas. Dopo aver fatto il punto della situazione su quanto accaduto in qualifica, il tedesco ha esternato le sue sensazioni per la gara di domani.

Dopo le difficoltà di Q1 e Q2 sono migliorato un po’ ovunque, particolarmente verso la fine del settore 1 e l’inizio del settore 2. Sono riuscito a trovare molto tempo che perdevo in precedenza. Ho resettato tutto. Sapevo di poter fare di più, il mio tempismo non era mai stato ideale fino a quel momento. Finalmente ce l’ho fatta all’ultimo giro. – ha spiegato Vettel ai microfoni di Sky Sport- Sapevo che potevamo battere Bottas e avvicinarci a Lewis, anche più di quel che ci aspettassimo. Domani dovremo andar bene. Quello di oggi è un gran recupero, un buon risultato. Ieri non abbiamo girato molto, non è stato semplice, credo di aver fatto soltanto un giro cronometrato nelle FP2. Questa mattina abbiamo recuperato un po’ di tempo e il feeling generale era buono. Abbiamo migliorato la macchina per il pomeriggio. Dovevo mettere insieme un po’ tutte le cose, il che mi è riuscito all’ultimo tentativo. Per la gara di domani non sono preoccupato. Verso la fine dell’anno ho una buona impressione delle gomme e della macchina. Abbiamo un gruppo di persone molto forte, in grado di aiutarmi in ogni scenario. Se fosse la prima o la seconda gara dell’anno sarei un pochino perso, ma verso la fine della stagione sai cosa aspettarti. Domani dobbiamo concentrarci sul leggere nel modo giusto le condizioni del meteo: quante nuvole ci saranno, quanto vento ci sarà. Quello sarà importante per azzeccare il primo stint, dopo vedremo e capiremo quante soste dovremo fare“.

FotoGallery